Filt Cgil in lutto. Scomparso il Segr. Gen. A.Rocchi. Un ricordo della Filt Veneto

Tipo: 

  • News

È venuto a mancare ieri 4 novembre 2018 a 58 anni, dopo una breve malattia, Alessandro Rocchi segretario generale della Filt nazionale che ha diretto la categoria anche nel Veneto dal 2003 al 2008. La Cgil e la Filt del Veneto sono profondamente addolorate per la scomparsa di un compagno ed un amico intelligente ed attento che ha dato un indiscutibile e prezioso contributo alla vita del sindacato nella regione.

Nato nel 1960, romano, dopo una breve esperienza da disegnatore meccanico presso una società privata di costruzioni civili, nel 1981 Rocchi viene assunto, per concorso pubblico, dalle Ferrovie dello Stato. Si iscrive alla Cgil nel 1985. Prima delegato dei macchinisti del Deposito locomotive Roma San Lorenzo, poi, dal 1988 al 1991, nel coordinamento sindacale del settore ferrovieri della Filt Lazio.

Dal 1992 al 2002 svolge la sua attività sindacale presso la Filt nazionale, occupandosi del settore ferrovieri.

Grave infortunio stazione di Belluno: ancora una volta i lavoratori pagano la mancata sicurezza

Tipo: 

  • News

Un grave incidente è accaduto nel pomeriggio del 24 settembre 2018 a tre operai che stavano svolgendo la manutenzione dei binari nei pressi della stazione ferroviaria di Belluno. I tre uomini sono rimasti ustionati, uno in modo grave, in seguito ad un'esplosione avvenuta nel vano motore di un macchinario con gru, utilizzato per la manutenzione dell’infrastruttura ferroviaria. Gli operai che lavorano per una ditta in appalto delle Ferrovie sono stati soccorsi dai vigili del fuoco e a dal personale del suem 118.

L'operaio più grave è stato trasferito con l'elisoccorso al centro grandi ustioni dell'ospedale di Padova; dove è stato portato anche un altro dei tre feriti, mentre quello con ustioni meno gravi, è stato trasportato al pronto soccorso di Belluno.

Pubblichiamo il comunicato della Filt Veneto di seguito e in allegato

Appalti ferroviari: la politica miope di Governo e Committenza

Tipo: 

  • News

Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Ugl TAF e Fast Confsal ringraziano tutte le lavoratrici ed i lavoratori impiegati nei servizi ferroviari in appalto per la massiccia adesione, fino al 100% in alcuni territori, allo sciopero nazionale del 24 settembre. Si tratta degli addetti ai servizi ferroviari in appalto di pulizia dei treni e delle stazioni, della ristorazione a bordo treno e accompagnamento sui vagoni notte che hanno partecipato ai vari presidi che si sono svolti in molte stazioni e città tra cui Torino, Genova, Milano, Bologna, Firenze, Roma e Bari e Paola, dove sono a rischio centinaia di posti di lavoro a causa dell’esaurimento degli ammortizzatori sociali.

Ricordiamo le motivazioni della protesta: affidamento dei lotti messi a gara con ribassi eccessivi, continui cambi appalto per l’assegnazione dei servizi, mancata applicazione delle clausole sociali e occupazionali, in palese violazione del dlgs. 50/2016 e del ccnl, esaurimento degli ammortizzatori sociali.

Anas: serve un confronto a livello territoriale

Tipo: 

  • News

Pubblichiamo le note unitarie predisposte per sollecitare la calendarizzazione degli incontri già richiesti su Esercizio e Modello organizzativo territoriale, secondo il programma dei lavori fissato, evitando iniziative di tipo unilaterale ed assicurando il pieno svolgimento del confronto a livello territoriale, e per comunicare ad Anas di aver previsto l’estensione del periodo temporale fissato per il rinnovo dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, allegando il relativo comunicato per i territori.

 

Appalti ferroviari: sciopero nazionale 24 settembre 2018

Tipo: 

  • News

Il giorno 24 settembre si svolgerà lo sciopero degli appalti ferroviari, in Veneto e su tutto il territorio nazionale. Saranno organizzati presidi e presenziamenti al fine di segnalare alle Aziende che operano in questo settore ed al Gruppo FSI la necessità di invertire la tendenza alla frammentazione delle attività e ad accettare ribassi di Gara che poi si traducono in perdita occupazionale e salariale. La situazione non è più sostenibile, è ora di dire “Basta!” a questo Sistema anche in virtù dell’esaurimento degli ammortizzatori sociali. In Veneto contiamo circa 500 lavoratori dislocati su tutto il territorio da Calalzo ad Adria, da Peschiera a Portogruaro, da Bassano del Grappa a Venezia.

Dispiace per i disagi che creeremo all’Utenza ma siamo sicuri che i Pendolari e Cittadini capiranno e sosterranno le nostre rivendicazioni:

TX Logistik AG F. Italia: Primo Sciopero per l’applicazione del CCNL

Tipo: 

  • News

Primo sciopero per l’applicazione del contratto collettivo di lavoro della Mobilità - Attività Ferroviarie. Le regole ci sono, bisogna applicarle. Grazie alla massiccia partecipazione del personale di Condotta e del personale Polifunzionale (TPT), sono state raggiunte punte di altissima adesione (100%) alla prima azione di sciopero di 8 ore proclamato per rivendicare l’applicazione del CCNL della Mobilità Attività Ferroviarie del 16/12/2016 ai dipendenti di TX Logistik Italia, Impresa Ferroviaria Tedesca rientrante nel Polo Logistico di Mercitalia Logistics del Gruppo FSI.

I lavoratori hanno una forte motivazione a continuare la vertenza, consapevoli che queste battaglie sono determinanti per il futuro di tutti.

E-commerce: apertura del tavolo di confronto con le associazioni della distribuzione

Tipo: 

  • News

“L’apertura del tavolo sull’e-commerce segna un primo passo verso una maggiore tutela dei lavoratori della logistica legata a questo settore”, così Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti, al termine dell’incontro odierno con Assoespressi, associazione datoriale aderente a Confetra, che rappresenta le aziende specializzate nell’attività di distribuzione per il commercio elettronico, aggiungendo che “da oggi si avvia un percorso di confronto sulle problematiche specifiche del settore della consegna delle merci nell’ambito dell’e-commerce”.
“Durante questo primo incontro – proseguono le organizzazioni sindacali – a partire dalle specificità del settore, si è convenuti sulla necessità di valorizzare il ruolo del contratto collettivo nazionale della logistica, trasporto merci e spedizione a tutela dei lavoratori, di mettere in campo le azioni necessarie a sostenere l’impresa ed infine di individuare le regole per governare le sfide e i cambiamenti in corso, in un settore che sta crescendo rapidamente”.
“Per le prossime riunioni – concludono Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti – abbiamo chiesto di affrontare i temi relativi all’organizzazione, ai carichi e alla qualificazione e valorizzazione del lavoro”.

FS servizi ferroviari in appalto. A rischio 2 mila addetti: sciopero 24-9

Tipo: 

  • News

Stop a pulizia stazioni, treni e servizi accessori, ristorazione, pulizia a bordo e accompagnamento notte. “Il prossimo 24 settembre, dopo quello dello scorso 20 luglio, si terrà, per l’intero turno di lavoro, il secondo sciopero nazionale del personale dipendente delle aziende che operano nel settore degli appalti ferroviari del Gruppo FS Italiane”. A proclamare la protesta sono unitariamente Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Ugl TAF e Fast Confsal denunciando che “a causa all’esaurimento degli ammortizzatori sociali sono a rischio esubero oltre 2 mila addetti su 10 mila totali, impiegati nei servizi ferroviari prevalentemente in appalto di pulizia treni, stazioni e servizi accessori, di ristorazione e pulizia a bordo treno e di accompagnamento notte”.
“Al Ministero del Lavoro – spiegano le organizzazioni sindacali – a cui abbiamo più volte richiesto di intervenire, spetta il compito di risolvere la questione degli ammortizzatori in scadenza e della validazione delle tabelle del costo del lavoro convenute tra le parti”.

ANAS: modello organizzativo, piattaforma Ccnl, rinnovo RLS

Tipo: 

  • News

Pubblichiamo le richieste di incontro trasmesse ad Anas il 14 settembre 2018, che segnano la ripresa dell’attività da parte del sindacato, successivamente alla pausa estiva. Secondo il programma dei lavori già definito si prevede l’apertura formale del confronto sul rinnovo contrattuale attraverso l’illustrazione delle proposte e delle linee programmatiche indicate nella piattaforma, trasmessa alla fine del mese di giugno. Va proseguita la discussione, avviata da tempo sull’esercizio, nella quale occorre affrontare in particolare le problematiche derivanti dall’acquisizione della rete stradale e quelle connesse al ripianamento del personale, e sul modello organizzativo territoriale, la cui applicazione ha determinato non poche criticità, puntualmente segnalate dal sindacato, che dovranno essere esaminate.

Ryanair: no dei lavoratori all’accordo Anpac

Tipo: 

  • News

“Alta adesione al 64% e larghissima maggioranza con l’82% di No”. Lo riferiscono Filt Cgil e Uiltrasporti riguardo il referendum che si è concluso oggi, sul gradimento dei piloti dell’accordo siglato tra Ryanair e l’associazione professionale Anpac. “L’esito del voto referendario espresso dai piloti, basati in Italia, sia alle dipendenze di Ryanair, sia assunti dalle agenzie di lavoro interinale – sostengono le due organizzazioni sindacali – è la dimostrazione di come sia sbagliato trattare unilateralmente solo con alcuni interlocutori, scelti dal management e di come l’assenza di democrazia generi attriti e conflitti, dannosi per l’azienda, i dipendenti e i passeggeri”.
“Adesso – sostengono Filt Cgil e Uiltrasporti – l’azienda prenda atto della volontà dei lavoratori e delle indicazioni dei giudici del Tribunale ci convochi per la definizione di un contratto collettivo di lavoro di diritto italiano che preveda le tutele del nostro ordinamento e soddisfi le legittime istanze dei piloti e degli assistenti di volo di Ryanair”.
“Contro l’approccio della compagnia irlandese verso i propri lavoratori – sottolineano infine Filt Cgil e Uiltrasporti – il prossimo 28 settembre si terrà il secondo sciopero di 24 ore di tutto il personale navigante della compagnia irlandese e delle agenzie interinali collegate, basato in Italia, unitamente a Belgio, Olanda, Portogallo e Spagna”.

Pagine

Abbonamento a Filt CGIL Regionale Veneto RSS