Trasporto su strada: l’azione del sindacato europeo

Tipo: 

  • News

Pubblichiamo in allegato il resoconto della riunione del sindacato europeo ETF sezione trasporto su gomma che si è riunita a Bruxelles il 7 e 8 settembre scorso, a cui ha partecipato anche la Filt nazionale. ETF ha lanciato delle proposte per la revisione delle norme comunitarie di cabotaggio e delle norme in materia di accesso alla professione, anche in previsione della Road Initiative della Commissione europea prevista per il primo semestre del 2017. Uno dei temi chiave trattati riguarda l’individuare soluzioni concrete per contrastare il dumping sociale nel settore. L’azione che i sindacati europei aderenti all’ETF intreccia l’attività delle istituzioni europee per ottenere regole più chiare a favore dei diritti dei lavoratori, limitando le distorsioni prodotte della sfrenata competizione tra le imprese.

Industria 4.0: coinvolgere le parti sociali

Tipo: 

  • News

"Quando le scelte del Governo coinvolgono le parti sociali non possiamo che apprezzare il metodo. Per questo la Cgil parteciperà costruttivamente ai lavori della cabina di regia del Piano Nazionale 4.0, che ora va concretizzato con investimenti pubblici e privati". Così Franco Martini, segretario confederale della Cgil, ha commentato ieri l'insediamento della cabina di Regia del Piano Nazionale Industria 4.0, presentato presso la sede del Ministero dello Sviluppo Economico. "Si tratta adesso di dare concretezza al piano e per sostenerlo occorreranno investimenti pubblici e privati", ribadisce Martini, specificando che "a questo fine dovrà essere destinata la flessibilità che il Governo rivendica in sede europea, dimostrando che solo puntando sulla crescita si possono risolvere i problemi legati al deficit pubblico". "Al tempo stesso - prosegue il dirigente sindacale - i risparmi conseguibili dalla razionalizzazione della spesa pubblica debbono alimentare il circuito degli investimenti".

Alitalia: con l’accordo revocato lo sciopero

Tipo: 

  • News

Revocato lo sciopero del 22 settembre di piloti e assistenti di volo Alitalia. Ne danno notizia il segretario nazionale della Filt Cgil, Nino Cortorillo, insieme a quelli di Fit Cisl, Uiltrasporti, e Ugl Trasporto Aereo, spiegando che “dopo una lunga trattativa è stato raggiunto un primo accordo con Alitalia”. Con l’accordo si scongiura un ulteriore sciopero che avrebbe causato notevoli disagi all’utenza e vengono date le prime risposte ai piloti e agli assistenti di volo del Gruppo Alitalia. Tra i molteplici aspetti assume rilevanza l’assunzione di personale navigante e c’è l’impegno a risolvere problematiche sociali non di poca importanza.

Veneto Strade nel futuro della viabilità del Veneto

Tipo: 

  • News

Pubblichiamo la posizione della Filt Veneto sull’attuale situazione della Società Veneto Strade Spa, costituita nel 2001 attraverso un’apposita legge regionale con lo scopo di progettazione, esecuzione di interventi, costruzione, il recupero, la vigilanza sulla rete viaria della Regione Veneto e su cui pende la totale incertezza e le mancate scelte da parte dei Soci e Istituzioni. In Veneto Strade lavorano circa 290 dipendenti, molti di questi appunto di provenienza Anas, altri dalle Provincie. E sono distribuiti tra servizi operativi nelle strade e progettazione infrastrutture e gestione amministrativa. Il capitale sociale della Società è di circa 5 milioni di euro e i soci sono la Regione Veneto con il 30%, le sette provincie con il 50%, ed il 20% diviso tra le quattro Società Autostradali del territorio. La Società opera attraverso apposite convenzioni con la Regione e con le Provincie. Nei primi anni sono stati garantiti livelli di servizio alla rete, competenza, professionalità in un quadro di certezze di risorse secondo quanto previsto dalle convenzioni con i soci. Leggi tutto nell’allegato.

TPL: serve più sicurezza per non morire di lavoro!

Tipo: 

  • News

"La morte di due operai nel giro di poche ore è un fatto grave e inaccettabile che non può trovare giustificazioni. La sicurezza sul lavoro deve diventare una priorità per il nostro Paese". Così la Cgil in una nota dopo la morte dei due operai che sabato 17 settembre 2016 hanno perso la vita all'Ilva di Taranto e in un deposito di rimessaggio di treni dell'Atac di Roma. "Episodi che si sono verificati - sottolinea la Cgil - a distanza di soli due giorni dalla morte di un altro operaio a Piacenza".

La Cgil esprime "cordoglio e vicinanza ai familiari delle vittime e ai loro colleghi di lavoro" e "chiede alle autorità competenti di fare presto chiarezza su quanto si è verificato per accertare tutte le responsabilità". "In ogni caso non si può e non si deve morire di lavoro. Un operaio che muore sul luogo di lavoro rappresenta sempre una sconfitta per tutto il Paese. Per questo il tema delle condizioni di lavoro, della sicurezza e della salute e prevenzione devono tornare al centro dell'agenda politica nazionale".

Air France e KLM: sciopero del 11 ottobre 2016

Tipo: 

  • News

Si prepara una stagione calda per due compagnie aeree straniere operanti nel nostri aeroporti, si tratta di Air France e dell’olandese KLM. E’ infatti ancora critica la situazione per i dipendenti della compagnia aerea Air France in Italia, dopo il licenziamento collettivo che ha comportato nel recente passato la riduzione del personale di terra in alcuni aeroporti italiani. Anche l’ultimo tentativo di conciliazione svoltosi presso il Ministero del Lavoro il 6 settembre scorso, si è concluso con esito negativo. L'azione di licenziamento collettivo pari a 46 lavoratori su un organico di 155 dipendenti in Italia, interessa la riorganizzazione di varie direzioni industriali. Per tale azione l’azienda rifiuta ogni applicazione di ammortizzatori sociali, seppur temporalmente parziali, proposta dalle organizzazioni sindacali. L’espulsione da mondo del lavoro di decine di lavoratori è un provvedimento troppo drastico che non tiene conto dei precedenti accordi collaborativi con i sindacati. 

Autotrasportatori: campagna FILT per il riconoscimento malattie professionali

Tipo: 

  • News

Parte sabato da Padova la campagna della FILT-CGIL per il riconoscimento delle malattie professionali degli autisti del settore merci. La FILT del Veneto ha organizzato per sabato 17 settembre a Padova presso la Scuola Edile di Camin la prima assemblea provinciale per lanciare la campagna di prevenzione e indagine sulle malattie professionali (disturbi muscoloscheletrici ed ernie discali) derivanti dall’attività lavorativa degli autisti del trasporto merci. In questi anni la FILT, insieme all’INCA-CGIL, ha promosso centinaia di cause individuali per dimostrare il nesso causale che c’è tra i disturbi alla schiena degli autisti e le caratteristiche lavorative (prolungata postura sedentaria, vibrazioni dei mezzi, strade sconnesse, turni pesanti, riposo fuori, ecc.), cause, che si sono concluse con tanti successi e sono servite a dimostrare che il lavoro di autista può provocare nel tempo un danno permanente alla colonna vertebrale.

Logistica, operaio travolto e ucciso: fatto gravissimo in un settore di sfruttamento

Tipo: 

  • News

“Cordoglio per la morte dell’operaio e rapida chiarezza sulle dinamiche dell’incidente”. E’ quanto esprime la Filt Cgil nazionale sui fatti di Piacenza dove un operaio è stato travolto e ucciso da un camion all’uscita di un’azienda di logistica, spiegando che “questo fatto gravissimo accade in un territorio come l’Emilia Romagna dove è stato firmato il protocollo della legalità negli appalti della logistica, del facchinaggio e dei corrieri tra tutti i soggetti istituzionali e le associazioni imprenditoriali per migliorare la qualità dell’organizzazione del ciclo produttivo”.

Cgil: il piano del lavoro per ridurre la disoccupazione

Tipo: 

  • News

Lo propone la Cgil. L’Italia può tornare a crescere solo attraverso una terapia shock. Con una spesa pubblica di 10 miliardi l'anno per tre anni da utilizzare per investimenti pubblici e creazione diretta di lavoro (520 mila pubblici e 80 mila privati), si genererebbe nel nostro Paese un incremento degli occupati di circa 1 milione 368 mila unità, il tasso di disoccupazione scenderebbe al 4,8%, mentre il Pil reale salirebbe al 5,7% e gli investimenti pubblici e privati crescerebbero del 19%. Questa in estrema sintesi la ricetta indicata dalla Cgil nel suo Piano straordinario per l’occupazione presentato ieri in un’iniziativa tenutasi presso la sede nazionale della Confederazione, che si è chiusa con un intervento del segretario generale Susanna Camusso.

Carta dei diritti CGIL: firmala!

Tipo: 

  • News

Prosegue la raccolta delle firme per proposta di legge di iniziativa popolare della la Carta dei diritti universali del lavoro. In attesa della data di chiusura sono ancora numerose le iniziative in programma nei luoghi di lavoro e nelle piazze dove sono presenti banchetti e gazebo che vi invitiamo a seguire. Sul sito della Cgil tutte le informazione sulle iniziative e sui contenuti della Carta. Cos’è la Carta dei diritti universali del lavoro? La Carta (sul sito è disponibile il testo integrale e il commentario) è la riscrittura del diritto del lavoro in nome di un principio di uguaglianza che travalichi le varie forme e tipologie nelle quali esso si è diversificato e frammentato negli anni.

Tutta la Cgil è impegnata in un grande confronto che mette al centro le tutele dei lavoratori, in questi anni attaccate e indebolite da un pervicace processo di destrutturazione.

Pagine

Abbonamento a Filt CGIL Regionale Veneto RSS