Altre imprese

Gruppo FSI. Piano industriale 2019-2023: gli elementi da chiarire

Tipo: 

  • News

“Presenta indubbiamente obiettivi e azioni positive, in un arco temporale di 5 anni, rispetto ai 10 precedenti, che potrebbe rendere maggiormente verificabili investimenti e obiettivi”. Così Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti sul piano industriale 2019-2023 presentato oggi dal Gruppo Fs, aggiungendo che “il piano si focalizza maggiormente sul trasporto ferroviario, in termini di offerta e qualità, mette in preventivo importanti investimenti infrastrutturali e tecnologici e prevede assunzioni per 15 mila unità”.

TPL e viabilità: incontro in Regione Veneto per i finanziamenti al settore

Tipo: 

  • News

Riassumiamo i contenuti dell’incontro del 10 dicembre 2018 con l’assessore regionale Elisa De Berti. Sul primo punto che riguardava il TPL abbiamo chiesto la certezza dei finanziamenti regionali al settore per il 2019, in quanto si rincorrevano molte voci e preoccupazioni, soprattutto tra le imprese, su ipotesi di significativi tagli delle risorse, alcune delle quali ipotizzavano tagli di 12 milioni, altre di oltre 4 milioni. Rispetto a questo l’assessore ci ha confermato che il loro riferimento in bilancio delle risorse regionali per il settore è relativo al 2015 ed è di circa 256 milioni, per questo rispetto ai ricalcoli del FNT su partite precedenti e nel quadro del Decreto 50 per il Veneto il taglio è, ad oggi, di 1 milione di euro se comparato con il dato del 2015 – quindi 255 milioni.

TX Logistik AG F. Italia: Primo Sciopero per l’applicazione del CCNL

Tipo: 

  • News

Primo sciopero per l’applicazione del contratto collettivo di lavoro della Mobilità - Attività Ferroviarie. Le regole ci sono, bisogna applicarle. Grazie alla massiccia partecipazione del personale di Condotta e del personale Polifunzionale (TPT), sono state raggiunte punte di altissima adesione (100%) alla prima azione di sciopero di 8 ore proclamato per rivendicare l’applicazione del CCNL della Mobilità Attività Ferroviarie del 16/12/2016 ai dipendenti di TX Logistik Italia, Impresa Ferroviaria Tedesca rientrante nel Polo Logistico di Mercitalia Logistics del Gruppo FSI.

I lavoratori hanno una forte motivazione a continuare la vertenza, consapevoli che queste battaglie sono determinanti per il futuro di tutti.

Sncf Voyage Italia: confermato sciopero il 5 ottobre 2018

Tipo: 

  • News

Fumata nera all'incontro. Stop il prossimo 5 ottobre nei collegamenti tra Italia e Francia. Fit, Filt, Fast Confsal: “Hanno avuto un atteggiamento di sufficienza e di chiusura netta, rispetto alle richieste”. “Sncf Voyage Italia continua a rifiutare di applicare ai propri dipendenti un contratto collettivo nazionale di lavoro, condiviso con le organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative, per cui lo sciopero del prossimo 5 ottobre è confermato”, così dichiarano Filt-Cgil, Fit-Cisl e Fast Confsal, a seguito dell’incontro che si è tenuto, come prescritto dalla legge sugli scioperi, con la società che opera nei servizi ferroviari tra Italia e Francia.
“Sncf Italia – proseguono le organizzazioni sindacali – ha assunto un atteggiamento di sufficienza e di chiusura netta, rispetto alle richieste del sindacato e si è anche rifiutata perentoriamente di esaminare nel merito le criticità che, a nostro giudizio, potrebbero mettere seriamente a rischio la salute e la sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori e potenzialmente la regolarità dell’esercizio ferroviario”.

SNCF Italia: si applichi contratto. Richiesta d’incontro

Tipo: 

  • News

“Sncf Voyages Italia non si sottragga alle proprie responsabilità sulla mancata applicazione del contratto collettivo nazionale della mobilità, area attività ferroviarie” così dichiarano Filt-Cgil, Fit-Cisl e Fast-Confsal, aggiungendo che “significa da parte di un’azienda di trasporto ferroviario passeggeri, operante in Italia, non giocare ad armi pari con le concorrenti, a scapito dei lavoratori”

NTV: avviata discussione su ccnl e premi

Tipo: 

  • Documenti

“Avviata oggi 14 febbraio una discussione preliminare di merito sulle questioni aperte”. E’ quanto affermano unitariamente Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Fast Mobilità e Ugl Taf a seguito dell’incontro di oggi con la dirigenza Italo su contratto e premi commentando che “finalmente, ed anche a seguito della massiccia adesione allo sciopero del 29 gennaio, si é aperta la discussione contrattuale nel corso della quale l’azienda si è impegnata a presentare una proposta a partire dal capitolo del sistema delle relazioni industriali e si è stabilito un fitto calendario di incontri a partire dal 20 febbraio”.
“Per quanto concerne i premi in sospeso, l’azienda – riferiscono infine le organizzazioni sindacali dei Trasporti – si é impegnata a chiudere il pregresso, rispettando i tempi previsti dagli accordi afferenti il premio di risultato residuo 2014, il premio 2017 e il super premio per gli ottimi risultati economici raggiunti mentre per quanto riguarda il premio di risultato 2015 sta valutando un’eventuale sanatoria”.

14 febbraio 2018

Coordinamento Regionale Ferrovieri: il punto della nostra iniziativa sindacale

Tipo: 

  • News

Segnaliamo in estrema sintesi le iniziative realizzate nell’ultimo anno nell’ambito degli appalti, di FS e di altre imprese ferroviarie presenti in Veneto come RTC. Dopo l’elezione di RSU e RLS avvenuta a novembre 2015 è stato presentato al Comitato Direttivo Filt Veneto il 4 maggio 2016 e votato il coordinamento regionale dei ferrovieri istituito, nella sua nuova formulazione, con l’obiettivo di migliorare la capacità di intervento sulle vertenze e nelle contrattazioni ai vari livelli nel gruppo FS del Veneto. Il coordinamento è affidato ad Alessandro Piras mentre la responsabilità resta al segretario Generale Filt Veneto. Il coordinamento risponde alla necessità di adeguare l’organizzazione della Filt in tale comparto alla realtà dei ferrovieri in modo da seguire al meglio la contrattazione nel quadro delle mutate articolazioni regionali del gruppo FS che hanno assunto dimensioni organizzative che vanno oltre la singola provincia.

Referendum AF e FSI: grazie ai lavoratori per l’ampia partecipazione

Tipo: 

  • News

La grande maggioranza di lavoratori/ci delle attività ferroviarie e degli appalti ferroviari hanno votato il referendum ed hanno approvato il nuovo Contratto Nazionale di Lavoro del 16 dicembre 2016. I 3.750 lavoratori che si sono espressi in Veneto, il 61% degli aventi diritto, sono un valore significativo sulla partecipazione democratica dei lavoratori rispetto il loro lavoro e di questi l’81% si è espresso per il SI che convalida il nuovo CCNL. E’ stato valutato positivamente il lavoro svolto dalle OO.SS. nel merito del contratto e il consenso si percepiva già durante le oltre 30 assemblee che in circa 10 giorni si sono svolte unitariamente per discutere, informare e confrontarsi con i lavoratori. Ci sono state critiche di merito, soprattutto tra i lavoratori dell’area merci relativamente alla flessibilità sull’organizzazione del lavoro, che ci consegna una gestione della contrattazione su questo punto importante nel lavoro dei prossimi mesi. 

Di certo complessivamente il CCNL è positivo soprattutto sui suoi obiettivi principali: 

Pagine