Pubblichiamo in allegato la piattaforma di genere redatta in occasione del Congresso Cgil 2018 che si intitola “Tutte insieme. Vogliamo tutto” con analisi, priorità e proposte. Il documento comprende quattro capitoli che riguardano: la condizione occupazionale delle donne in Italia, la disparità salariale e organizzazione del lavoro, la salute delle donne, Molestie e violenze nei luoghi di lavoro e fuori dagli stessi.

È partito il percorso che porterà, a gennaio 2019, al diciottesimo congresso della Cgil.

La grande novità del processo democratico che attende la Cgil nei prossimi 9 mesi è il ruolo decisivo che assumeranno le assemblee generali, promosse dall’ultima Conferenza di organizzazione. Si tratta di organismi dirigenti composti per il 50% più uno dei loro componenti dai delegati sui luoghi di lavoro e dagli attivisti delle Leghe dello Spi.

La prima fase del percorso congressuale prevede che l’apposita commissione vari una traccia che verrà discussa da tutte le assemblee generali di ogni struttura.

Il Comitato direttivo Cgil del 10 marzo ha eletto la commissione politica, composta da 52 membri più i componenti della segreteria nazionale e votato la delibera che dà il via al percorso congressuale. Tra il 5 aprile e il 18 maggio è previsto lo svolgimento di circa 1500 assemblee generali che si terranno nei luoghi di lavoro su tutto il territorio nazionale.

Dal 20 giugno al 5 ottobre si svolgeranno, invece, le assemblee congressuali di base.