AC e TAV Vicenza. L’interessante progetto alternativo FNE

Tipo: 

Settore: 

Dipartimento: 

Territorio: 

La Filt Veneto insieme alle Cgil territoriali interessate ha espresso di recente il suo parere sui progetti riguardanti l’Alta Velocità e Alta Capacità della linea Venezia-Milano e in particolare la trasformazione del servizio nelle stazioni di Padova e Vicenza. Tutta la documentazione è pubblicata nel sito Filt Veneto ai link sotto riportati. Molte considerazioni fatte valgono per tutta la tratta, nel mentre ci sono aspetti peculiari del percorso e della fermata/e del Vicentino. Non molto tempo fa abbiamo a più riprese detto che la fermata ferroviaria della stazione di Vicenza andava saltata facendo le sole fermate venete AV di Verona, Padova, Mestre. Ora l’accordo con Alitalia Ethiad relativo agli aeroporti ci induce un supplemento di esame perché sembra siano previste sia la fermata di Montichiari che di Venezia aeroporto. Per questo temiamo che si parli di AV, ma si pensi solo agli affari speculativi dei collegamenti FS aeroporti.

In sintesi si tratta di affrontare per Vicenza e il Veneto le seguenti questioni:

Scarsa informazione, dialogo e discussione democratica dai tempi ridotti.
Non è progetto TAV ma AC se si pianificano troppe fermate. Non ha alcun senso un treno da 360 KM/h se ogni 40/60 chilometri si deve fermare.
Bacino utenza decisamente sovrastimato. Ipotizzare che un cittadino di Abano Terme vada a Vicenza per prendere il treno sulla tratta Milano Venezia è un pio desiderio più che una relazione reale!
Stazione nuova Tribunale dista 1,5 Km da piazza dei Signori, contro 900 m della attuale stazione; non è solo questione  di distanza fisica, ma di relazioni con la città! Rottura di carico pesante che induce perdita di clientela. Temiamo che Vicenza non ce la fa a garantire economia e lavoro per due stazioni. Oggi quella che c’è in centro fa vita grana. Quante stazioni AV in Veneto.
Rischio idrogeologico alto nelle aree delle nuove stazioni.
Scempio ambientale e idrogeologico tunnel sotto Monte Berico.
Gronda Sud: strada parallela  a S.Lazzaro ( Vi) che è vissuta come nuova rottura urbana più che ricucitura.
Espropri e demolizioni; costi alti nella zona fiera .
Appetiti immobiliari che si liberebbero  assieme alle nuove aree dismesse  FS e ex FTV. Idem la malsana idea della nuova stazione di Padova S. Lazzaro.

Filt Veneto

 

Suggeriamola lettura dell' interessante progetto alternativo di Federico Gitto di  Ferrovie a Nord-Est  www.ferrovieanordest.it.

Per la parte più politica compreso il costo della AC AV Brescia-Verona si possono utilizzare le schede del CIPE scaricabili dal nostro sito insieme alle slides FILT CGIL delle presentazioni più recenti a Padova e a Vicenza.

http://www.filt.veneto.cgil.it/content/ac-av-padova-studio-prefattibilit%C3%A0-nuova-stazione-s-lazzaro-padova

http://www.filt.veneto.cgil.it/content/tavac-e-grandi-opere-la-cgil-vicenza-s%C3%AC-al-riequilibrio-modale-su-ferro

http://www.filt.veneto.cgil.it/content/tav-vicenza-e-tratta-mi-ve-lidea-della-filt-cgil

http://job.fanpage.it/pensione-di-vecchiaia-anticipata-per-il-personale-viaggiante-autoferrotranvieri/

 

 

 

Tag: