Con2sì: abrogare le norme che limitano la responsabilità solidale negli appalti

Tipo: 

Settore: 

Dipartimento: 

Territorio: 

Durante l’odierna conferenza stampa della Cgil Veneto per informare gli organi di stampa sui due referendum proposti dalla Cgil, oltre a fornire dati sull’indiscriminato uso dei voucher, si è parlato del mondo degli appalti (in espansione) sul quale spesso le imprese scaricano costi, risparmiando sul lavoro. Un esempio è dato dalla logistica, un settore in cui operano cooperative spurie o aziende poco solide, che si aggiudicano appalti a prezzi bassi e a volte perfino insufficienti a remunerare correttamente i lavoratori applicando il contratto nazionale. Non a caso in Veneto, come ha spiegato il Segretario Generale della Filt regionale, Renzo Varagnolo, sono aperte moltissime vertenze per recuperare retribuzioni non pagate, mancati contributi o quote di Tfr non versate da alcune aziende durante i cambi d’appalto.

L’attuale legislazione rende tuttavia assai difficoltoso per i lavoratori avere le proprie spettanze non potendo più avvalersi direttamente sul committente. Questo il motivo per cui la Cgil, con il secondo referendum, chiede che sia ripristinata la responsabilità piena del committente verso i lavoratori degli appalti, evitando così non solo una violazione dei diritti, ma anche forme di concorrenza sleale fra le stesse imprese.

Votare sì al referendum Cgil è un dovere civile per costruire un mondo migliore per i nostri figli!

Vedi tutto su: http://www.con2si.it/appalti/

Tag: