Cura Italia: proroga congedo parentale straordinario fino al 13 aprile

Tipo: 

Settore: 

Dipartimento: 

Territorio: 

Come è noto Il Decreto Cura Italia ha introdotto diverse misure a sostegno dei lavoratori, delle famiglie e delle imprese.Tra le misure a sostegno delle famiglie era stato previsto un congedo parentale straordinario di massimo 15 giorni complessivi fruibili, in modalità alternativa, da uno solo dei genitori per nucleo familiare, per i periodi dal 5 marzo al 3 aprile. Con il DPCM 1 aprile 2020 è stata prolungata la sospensione dei servizi educativi e dell’infanzia e la didattica delle scuole di ogni ordine e grado fino a tutto il 13 aprile 2020. L’INPS, con il messaggio n. 1516 del 7 aprile 2020 e su conforme parere ministeriale, dispone la proroga anche del termine per la fruizione del congedo parentale straordinario fino al 13 aprile 2020.

Alla luce di tale novità riportiamo in sintesi le principali caratteristiche del beneficio rinviando alle circolari di riferimento:

  • Nel periodo che va dal 5 marzo al 13 aprile è possibile fruire di un congedo parentale straordinario di ulteriori 15 gg rispetto a quello ordinario.
  • I beneficiari del nuovo congedo parentale straordinario sono i genitori: lavoratori dipendenti privati; lavoratori dipendenti pubblici; lavoratori autonomi iscritti alla gestione separata; lavoratori autonomi iscritti alle gestioni speciali degli artigiani, commercianti e coltivatori diretti.
  • Nel caso di genitori lavoratori dipendenti del settore privato, la novità principale rispetto al congedo parentale ordinario, riguarda il riconoscimento di un’indennità pari al 50% della retribuzione nel caso in cui sia stato chiesto per un figlio fino ai 12 anni di età e il riconoscimento della relativa contribuzione figurativa.
  • Per genitori dipendenti privati con figli dai 12 ai 16 anni spetta il diritto di astenersi dal lavoro senza indennità e senza contribuzione figurativa
  • Per i genitori con figli con handicap grave spetta l’indennità al 50% e la copertura figurativa senza alcun limite di età.

Ricordiamo infine che il congedo spetta a condizione che:

1.       Non sia stato richiesto, in alternativa, il bonus per i servizi di baby-sitting;

2.       Nel nucleo familiare non vi sia altro genitore beneficiario di strumenti di sostegno al reddito in caso di sospensione o cessazione dell’attività lavorativa (N.B. l’indennità di malattia o infortunio non sono considerati strumenti di sostegno al reddito);

3.       Non vi sia altro genitore disoccupato o non lavoratore.

DOCUMENTAZIONE: vedi allegati

L’INPS, con il messaggio n. 1516 del 7 aprile 2020 e su conforme parere ministeriale, dispone la proroga anche del termine per la fruizione del congedo parentale straordinario fino al 13 aprile 2020.

Per le modalità di presentazione della domanda e le istruzioni operative si consiglia di consultare anche:

  • il Messaggio INPS n. 1281/2020 all.n.1 
  • la Circolare INPS n. 45/2020.

Allegato: 

Tag: