Jobs Act: aggiornamenti e prime note Cgil e unitarie

Tipo: 

Dipartimento: 

Territorio: 

Il testo della delega rimane sostanzialmente invariato nell'impianto con la palese distonia tra il dettagliamento della riformulazione della parte relativa agli ammortizzatori sociali, alla costituzione dell’agenzia nazionale del lavoro, delle modifiche allo Statuto dei lavoratori (controllo a distanza e demansionamento), più indeterminata sul tema del riordino delle forme contrattuali e della semplificazione. In questa sede si evidenziano solo le modifiche relative all'emendamento del Governo confermando su tutti gli altri punti il giudizio già espresso sia in sede di audizione che con il documento unitario allegato. Nella loro nota unitaria Cgil, Cisl e Uil sottolineano che il disegno di legge delega si colloca in un contesto di oggettiva difficoltà per effetto della prolungata fase di crisi che si protrae dal 2008.

 

Essi non intendono sottrarsi alla sfida di una riforma del mercato del lavoro, ma ritengono necessario ribadire che su un intervento di tale portata non si è realizzata, per scelta del Governo, una fase preventiva di confronto, o quantomeno di approfondimento, che avrebbe favorito una maggiore comprensione e consapevolezza degli obiettivi di fondo della riforma, degli strumenti da utilizzare e della sua coerenza sia con le norme attualmente in vigore, che con il quadro economico e la difficile congiuntura che il nostro sistema produttivo sta tuttora subendo.
In allegato la nota completa e le osservazioni unitarie.

Allegato: 

Tag: