Personale Trenitalia in Veneto: perché scioperano il 18.1.2019

Tipo: 

Settore: 

Dipartimento: 

Territorio: 

Lo sciopero di tutto il personale di Trenitalia del Veneto si svolge il 18 gennaio dalle 09:01 alle 16:59. I ferrovieri si scusano con i passeggeri, ma la strutturale carenza di personale di bordo e di macchina e le problematiche della manutenzione hanno un impatto negativo anche sulla qualità del servizio offerto all’utenza. E anche le questioni dell’occupazione in Veneto, interessano tutta la cittadinanza. Ecco in sintesi le motivazioni che sono ulteriormente dettagliate negli allegati.  L’azienda ha intrapreso una strada unilaterale con attività e nuove strutture non concordate, ignorando le richieste di chiarimento dei rappresentanti dei lavoratori. Viene aggirata la carenza di risorse ricorrendo sempre di più a lavoratori con contratto di somministrazione a tempo determinato perciò non dipendenti di Trenitalia; a tutti gli effetti una parte del Lavoro viene effettuata da altre aziende. L’obiettivo delle Organizzazioni Sindacali è quello di mantenere livelli occupazionali e competenza nel territorio. A bordo dei treni cominciano a viaggiare e fare attività Lavoratori che non sono dipendenti di Trenitalia. Questa logica, a nostro avviso, apre le porte a scenari fino ad oggi impensabili.

Quanto tempo passerà prima di vedere tutte le categorie coinvolte? Quali altre mansioni verranno effettuate attraverso agenzie interinali?

Perciò, noi chiediamo che tutti i Lavoratori interinali, fino ad oggi impegnati per Trenitalia, siano stabilizzati per evitare che ci sia un abbassamento delle tutele di tutti.

La concorrenza non deve essere fatta sul costo del Lavoro e sulla testa dei Lavoratori.

Non sappiamo che futuro avremo per Manutenzione DPLH nel Territorio e se avremo futuro, i lavoratori di Mestre, Verona e Vicenza hanno capacità, volontà e competenze riconosciute.

Denunciamo continue azioni unilaterali sull’utilizzazione del personale.

Non abbiamo più un Impianto di riferimento in Veneto per gli Equipaggi DPLH (Alta Velocità e Intercity), per nessun prodotto, e continuiamo ad avere un calo di Personale di Macchina e di Bordo a scapito di altre realtà nonostante il Veneto sia un enorme ricettore di turisti e pendolari, per non parlare delle assunzioni che avvengono prevalentemente in altre regioni.

Vendita e Assistenza sia per DPR Veneto che per LH, oltre a sopravvivere con gravi carenze ormai divenute ingestibili, proseguono le attività solo grazie ai Colleghi interinali che a differenza di quanto dichiara l’azienda non sono utilizzati solo per coprire “picchi” di Lavoro, ma per gestire l’attività quotidiana.

Gli Equipaggi DPR Veneto devono poter ottenere condizioni che migliorino la vita (turni migliori), la Gestione del PdM/PdB (Personale di macchina e bordo) e la SOR (Sala Operativa Regionale) devono essere organizzate in modo migliore per non far ricadere su Macchinisti e Capi Treno carenze organizzative senza più essere costretti a vessare il Personale.

Chiediamo chiarezza sulla Manutenzione DPR, a valle di accordi nel Veneto si rimanda il completamento dei percorsi intrapresi.

RIVENDICHIAMO LAVORO PER TUTTI/E e DIGNITÀ SENZA DICRIMINAZIONI, UNITI.

Per un riconoscimento del Veneto sulle questioni nazionali.

SCIOPERIAMO PERCHÉ VENGA RICONOSCIUTA L’IMPORTANZA E IL FONDAMENTALE CONTRIBUTO DEI LAVORATORI IN VENETO.

Per il dettaglio delle ragioni dello sciopero in tutti i settori vedere i singoli volantini allegati.

In allegato anche le norme di attuazione dello sciopero.

 

Allegato: 

Tag: