Sempre più urgente piano naz. Del lavoro.

Tipo: 

Settore: 

Dipartimento: 

Territorio: 

“I tassi di disoccupazione del 40 per cento di quella giovanile e del 12 per cento di quella generale ci dicono che il paese non è ripartito, che non siamo fuori dalla crisi e che le riforme strutturali realizzate negli ultimi anni si sono dimostrate fallimentari”. A sostenerlo è stata il segretario confederale Cgil Tania Scacchetti, intervenendo venerdì scorso alla trasmissione “Italia Parla” di RadioArticolo1. Il governo, spiega Scacchetti, continua “a difendere i principi e le idee fondanti del Jobs Act e della riforma del mercato del lavoro nel suo insieme. Noi, invece, chiediamo un cambio radicale di queste politiche, perché non si può lasciare soltanto al mercato la creazione di posti di lavoro”. Serve quindi “un piano straordinario per l’occupazione, sorretto da forti investimenti pubblici, anche diretti, orientati a creare lavoro”. In più, aggiunge il segretario confederale Cgil, occorre ripensare la questione degli ammortizzatori sociali, perché “lo spostamento delle tutele dal posto di lavoro al mercato del lavoro, con la riduzione delle risorse per gli ammortizzatori e per le politiche attive come la formazione e la riqualificazione dei dipendenti espulsi, sta lasciando i lavoratori senza più tutele”.

Entrando nel dettaglio della questione degli ammortizzatori sociali, Scacchetti si dice “molto preoccupata, perché la crisi continua e un pezzo consistente delle imprese non è in grado, senza questi sostegni, di mantenersi in piedi e guardare con fiducia allo sviluppo”.  (…)

Su Rassegna Sindacale la sintesi dell’intervista:

http://www.rassegna.it/articoli/serve-un-piano-straordinario-per-loccupazione.

Su Radio Articolo 1 è disponibile il podcast per riascoltarla:

http://www.radioarticolo1.it/audio/2017/02/17/31096/lavoro-un-mercato-senza-fiato-con-tania-scacchetti-cgil

 

 

Tag: