TPL: GRV approva delibera costi standard. Per la Filt Veneto un provvedimento monco e sbagliato

Tipo: 

Settore: 

Dipartimento: 

Riportiamo la dichiarazione alla stampa dell’assessore Renato Chisso dopo la approvazione il 31 maggio in Giunta della Delibera sui costi standard. Appena la DGRV sarà disponibile la inseriremo nel sito con il nostro commento. Sappiamo che sono state apportate delle piccole modifiche al testo consegnato in conferenza dei servizi. Rimane un provvedimento come abbiamo più volte commentato monco e sbagliato perché si è lavorato volutamente senza fissare i servizi minimi regionali (con le contraddizioni messe in luce dalla realtà a domanda debole di Rovigo) e ripartendo le risorse tra le tipologie di impiego con un criterio politico che ha ridotto la quota della navigazione e parzialmente del servizio urbano.

Segreteria Filt Regionale

 

Sui costi standard riportiamo un comunicato dal sito nordesteuropa

http://www.nordesteuropa.it/stories/home_venezie_post/17331_regione_veneto_stanzia_fondi_tpl_da_spesa_storica_a_costi_standard/

 

Regione Veneto stanzia fondi Tpl. Da spesa storica a costi standard

La Giunta regionale ha ripartito tra i cosiddetti enti affidanti il fondo per il trasporto pubblico locale per il secondo semestre 2013 per un totale di poco più di 130 milioni: 65,7 milioni di euro ai Comuni e 64,4 alle Province che gestiscono servizi. «Per il trasporto pubblico locale del Veneto è la fine di un'epoca – dice l'assessore alle politiche della mobilità Renato Chisso -  basata sull'assegnazione dei finanziamenti in base alla spesa storica. Oggi abbiamo aperto la stagione della razionalizzazione, basata sul livello dei servizi minimi e costi standardizzati (che saranno introdotti con gradualità), valutazione della domanda debole, del rapporto costi - ricavi e così via. Si conclude un processo di revisione durato oltre un anno - ha aggiunto - portato avanti da una Commissione Tecnica mista, valutato da una Conferenza di Servizi alla quale sono stati invitati tutti gli Enti affidanti e conclusasi con la mancata intesa unitaria, approvato infine a maggioranza dalla Commissione Consiliare competente con proposte di modifica».

venerdì 31 maggio 2013

Tag: