Tre Referendum Cgil: quali occasioni per firmare?

Tipo: 

Settore: 

Dipartimento: 

Territorio: 

Sono molte le sedi di lavoro e i banchetti pubblici organizzati dalla Cgil dove è possibile firmare per i tre referendum legati alla carta dei diritti dei lavoratori. La Filt è molto attiva anche in tutto il Veneto. Tra le altre iniziative segnaliamo quella che si è svolta questa mattina davanti alla stazione ferroviaria di Padova. Molti cittadini pendolari e viaggiatori hanno aderito all’iniziativa firmando per i tre referendum che chiedono l’abrogazione dei voucher, la reintroduzione della piena responsabilità solidale negli appalti e la reintegrazione in caso di licenziamento illegittimo.

Ricordiamo che a Carta per i diritti universali del lavoro è la riscrittura del diritto del lavoro in nome di un principio di uguaglianza che travalichi le varie forme e tipologie nelle quali esso si è diversificato e frammentato negli anni. Tutta la Cgil è impegnata in un grande confronto che mette al centro le tutele dei lavoratori, in questi anni attaccate e indebolite da un ostinato processo di destrutturazione di cui il Jobs act è solo l’ultimo atto.

Per cambiare la situazione di degrado delle condizioni di lavoro servono ancora molte firme, anche la tua!

Fate firmare più persone possibile entro la fine di giugno, ogni giorno il calendario dei luoghi in Veneto è aggiornato nei vari siti Cgil.

I tre quesiti referendari pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale n.69 del 23 marzo 2016, finalizzati al sostegno della proposta di legge di iniziativa popolare, hanno come oggetto i seguenti temi:

la cancellazione del lavoro accessorio (voucher);

la reintroduzione della piena responsabilità solidale in tema di appalti;

nuova tutela reintegratoria nel posto di lavoro in caso di licenziamento illegittimo per tutte le aziende al disopra dei cinque dipendenti.

 

La campagna per i quesiti referendari proseguirà fino all’8 luglio (ma le firme devono essere raccolte entro la fine di giugno per le convalide nei Comuni), mentre quella per la Carta terminerà l’8 ottobre.

Tag: