Internazionale

Presidio Mobility Pack: la protesta dei camionisti in Veneto

Tipo: 

  • News

Riportiamo commenti e foto sull’azione di sciopero e protesta dei camionisti in alcune province del Veneto, a Porto Marghera, al Quadrante Europa di Verona, all'interporto di Padova e nella zona industriale di Vicenza il 14 gennaio 2019. La Filt Cgil di Venezia, esprime apprezzamento, per la riuscita ed adesione allo sciopero di lunedì, indetto a livello nazionale, per protestare contro la modifica in peius del regolamento europeo 561/06 riguardante i tempi di guida per gli autisti di mezzi pesanti e, pure per gli autisti di mezzi pubblici che faranno altre 24 ore di sciopero il 21 di questo mese. Dalle prime luci del giorno di quest'oggi, il presidio e volantinaggio di Porto Marghera, nonostante le temperature sotto lo zero, ha visto una encomiabile e folta partecipazione di iscritti e delegati/e, i quali hanno spiegato i pericoli che, se approvata, avrebbe questa nuova legge.

Pacchetto mobilità: Europarlamento accoglie osservazioni dei sindacati

Tipo: 

  • Documenti

“Per la seconda volta in poche settimane registriamo con soddisfazione che il Parlamento europeo respinge le proposte della Commissione Trasporti sul Pacchetto Mobilità, contenente anche le modifiche al regolamento sui tempi di guida e di riposo di camionisti e di autisti di pullman e autobus a lunga percorrenza e le norme sul distacco transnazionale”. Lo affermano i segretari nazionali della Filt Cgil, Giulia Guida e Michele De Rose, spiegando che “con il re-invio della proposta di nuovo all’esame della Commissione sono state accolte di fatto le osservazioni dei sindacati europei”. “Con questa nuova opportunità che si apre auspichiamo che riparta il dialogo. Da parte nostra continueremo a vigilare per tutelare il lavoro di autisti e camionisti e per garantire la sicurezza lungo le strade”.

Trasporto stradale, Pacchetto Mobilità: il NO dei Parlamentari EU

Tipo: 

  • News

Nella giornata di ieri la Commissione Occupazione e Affari Sociali del Parlamento Europeo ha discusso le proposte contenute nel Mobility Package, votando a favore di una retribuzione equa, di norme rigorose sul cabotaggio e di un’adeguata distribuzione dei tempi di riposo, sostenendo il divieto di trascorrere il riposo settimanale all’interno dei veicoli (Vedi i volantini allegati)

Si tratta di un primo ma importante risultato su temi per i quali ETF e Filt-Cgil stanno portando avanti la loro mobilitazione nell’ambito della “Fair Transport Europe Campaign”.

Trasporto merci: solidarietà sciopero Amazon Germania

Tipo: 

  • News

Di seguito la traduzione della lettera di solidarietà della Filt Cgil al sindacato tedesco Ver.di, che ha organizzato per il 24 aprile uno sciopero dei lavoratori Amazon. Lo sciopero si svolgerà contemporaneamente alla cerimonia di premiazione di Jeff Bezos, che riceverà nelle stesse ore a Berlino il premio Axel Springer. 
“Cari compagni, care compagne, La Filt-Cgil esprime la propria solidarietà per lo sciopero Amazon da voi organizzato a Berlino il prossimo 24 aprile. 
Siamo profondamente convinti del fatto che questa dimostrazione abbia un significato particolarmente simbolico, essendo in coincidenza con la cerimonia di premiazione di Jeff Bezos per l’Axel Springer Award: si tratta di un'importante opportunità per sensibilizzare l'opinione pubblica sulla situazione dei lavoratori di Amazon e far sentire la loro voce. 
Siamo tutti impegnati a denunciare e combattere le pessime condizioni di lavoro, la precarietà, lo sfruttamento la mancanza di tutele sociali che colpiscono i lavoratori Amazon in tutto il mondo. 
Tutti noi lottiamo contro questa nuova forma di schiavitù! 
Ci uniamo a voi nella vostra protesta e vi auguriamo il miglior successo per questa iniziativa. 

In solidarietà,
Alessandro Rocchi 

Autotrasporto: la formazione favorisce migliori condizioni di lavoro e sicurezza

Tipo: 

  • News

“Un importante aggiornamento tecnico non solo sull‟utilizzo del cronotachigrafo, ma in generale su tematiche come i tempi di guida e riposo, la sicurezza stradale e la normativa sociale”. E‟ quanto riferisce la segretaria nazionale della Filt Cgil Giulia Guida sul seminario nazionale per delegati della Filt Cgil su 'Cronotaghigrafo, sicurezza e normativa sociale' che si è tenuto nelle giornate di lunedì e ieri e che ha visto gli interventi di Roberto Parillo, presidente sezione Trasporto su Strada dell‟ETF - Federazione Europea dei Trasporti, di Silvio Faggi, vice Presidente Albo Autotrasporto e di Giuseppina della Pepa, Segretaria Generale di Anita, oltreché di 60 delegati provenienti da tutta Italia.

Ryanair. FILT a ENAC e MIT: verificare le cause reali della cancellazione dei voli

Tipo: 

  • News

“Le notizie fornite da Ryanair e quelle emerse dalla stampa, dovrebbero indurre gli enti di controllo ad una efficace ed immediata verifica di quali siano le reali cause che stanno portando alla cancellazione di parte dell’operativo nazionale”. Lo scrive la Filt Cgil in una lettera indirizzata al presidente dell’Enac Vito Riggio ed al Ministro delle Infrastrutture e Trasporti Graziano Delrio.

Sindacato ferrovieri EU: come contrastare il dumping nel comparto

Tipo: 

  • News

Il settore ferroviario in Europa sta notevolmente cambiando a seguito dei 4 pacchetti normativi europei, l'introduzione della concorrenza anche nel trasporto passeggeri e il progressivo mutamento delle imprese di proprietà statale. La frammentazione di queste ultime, le pressioni per ridurre i costi, l’ingresso di nuovi attori (tra cui le agenzie di lavoro temporaneo o i subappalti) comportano riduzioni dell’occupazione, delle condizioni di lavoro (salari, organizzazione del lavoro, formazione e qualifiche) e un costante attacco ai diritti dei lavoratori. 

Il dumping sociale sta diventando una realtà anche in questo mondo, anche se la politica e le imprese lo negano.

Autotrasporto. Mobilitazione contro norme UE. Condivise preoccupazioni delle OS

Tipo: 

  • News

A seguito della mobilitazione del settore dell’autotrasporto nazionale, che si è svolta lunedì 29 maggio 2017, le ragioni della protesta sono state esposte e discusse da Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti del Veneto nell’incontro con l’assessora al lavoro Elena Donazzan del 6 giugno scorso. Le misure che la Commissione Europea vorrebbe proporre intendono modificare la regolazione dei tempi di guida e di riposo per i camionisti ed inoltre escludere gli stessi dall’applicazione della Direttiva sui distacchi che varrebbe solo se il periodo speso dal conducente in un dato paese supera i 5 giorni”. Per la Filt e le altre O.S. è gravissimo che si voglia ridurre il tempo di riposo settimanale da 45 a 24 ore e spostare per 2 o 3 settimane il riposo di 45 ore, allungando il tempo di guida degli autisti. Se le modifiche della C.E. fossero approvate le ricadute sulla qualità del lavoro sarebbero pesantissime e si modificherebbero gli accordi e l’organizzazione del lavoro contrattata a livello aziendale. Sarebbero inoltre a rischio la sicurezza sul lavoro e la sicurezza sulle strade.

Dialogo sociale EU nel ferroviario: serve un approccio più negoziale

Tipo: 

  • News

La riunione del Comitato Guida (Steering Committe) della sezione ferrovieri ETF del 25 maggio scorso aveva l’obiettivo di condividere le decisioni riguardanti il rilancio del dialogo sociale europeo del settore, anche a seguito della partecipazione ETF all’incontro CER dei direttori delle Risorse Umane, tenutosi a Napoli a fine aprile. A quell’incontro che si riteneva importante per la prosecuzione del dialogo con la controparte ha partecipato, oltre al segretariato ETF rail, la vicepresidente (FILT) della sezione ferrovieri ETF in rappresentanza del presidente, assente per altri impegni. Nell’incontro di Napoli l’ETF ha evidenziato come il rilancio del dialogo sociale europeo potrebbe essere più efficace provando ad affrontare insieme, dirigenti e organizzazioni sindacali, le sfide che l’intreccio tra la crisi economico-finanziaria, la ristrutturazione delle imprese e l’apertura del mercato dovuta alla liberalizzazione pone alle aziende ferroviarie e ai lavoratori del settore. Per questo il rilancio del dialogo sociale europeo, sul quale CER ed ETF stanno lavorando ormai da più di un anno, necessita ora di un’accelerazione. 

Pagine