Mercato del lavoro

Parlamento Decreto “Dignità” Di Maio

Tipo: 

  • Documenti

Approvazione definitiva per il decreto Di Maio. Molto poco dignitose le misure introdotte dal governo, in particolare il ritorno dei voucher. Via libera anche al Milleproroghe, che a settembre passerà all'esame della Camera. L’attività parlamentare si è conclusa con l’approvazione al Senato del cosiddetto Decreto “Dignità”, rinominato, alla luce dei risultati raggiunti, semplicemente “Decreto Di Maio”. Molto poco dignitose infatti sono state alcune delle misure che il Governo ha scelto di inserire nel testo della legge attraverso il lavoro parlamentare, prima fra tutte la reintroduzione dei voucher (Art.

Decreto dignità: persa occasione per lavoro buono

Tipo: 

  • News

Con 155 voti favorevoli il Senato ha dato oggi il via libera definitivo al cosiddetto decreto dignità, che diventa così legge. Il testo non ha subito correzioni in commissione rispetto a quello licenziato da Montecitorio il 2 agosto ed è arrivato in Aula a Palazzo Madama senza mandato al relatore. I senatori hanno esaminato i circa 700 emendamenti presentati dopo che erano state bocciate le pregiudiziali di costituzionalità presentate da FI e PD. “Un titolo impegnativo ma francamente inopportuno”. Così Tania Scacchetti, segretaria confederale della Cgil, commenta l'approvazione. “Si era partiti con un obiettivo affatto scontato, mettere al centro dell’intervento la dignità del lavoro contrastando la precarietà, ma si è risolto in un intervento che contraddice nei fatti quel titolo ambizioso e importante, a partire dalla reintroduzione dei voucher. 

Si continua a inseguire la logica del lavoro mordi e fuggi, poco retribuito e dequalificato, che svilisce competenze e professionalità”.

Qualità del lavoro nei trasporti: sottoscritto protocollo tra MIT e sindacati

Tipo: 

  • News

E’ stato sottoscritto il 13 aprile 2018 un protocollo d’intesa, tra il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e le organizzazioni sindacali Fillea CGIL, Filca Cisl, Feneal Uil, Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti, che riguarda le “Linee Guida per la qualità del lavoro nei settori dell’edilizia, della logistica e dei trasporti”.
Il protocollo è il risultato di un percorso di relazioni industriali, condiviso negli anni con le parti sociali, finalizzato al raggiungimento di standard qualitativi in materia di lavoro, nell’ambito dell’edilizia e dei trasporti. Il confronto ha consentito di individuare delle priorità di intervento sugli aspetti di salute e sicurezza, regolarità e legalità, qualificazione degli appalti e delle stazioni appaltanti.
L’obiettivo del protocollo è di individuare i principi, le soluzioni e gli strumenti idonei a favorire la qualità del lavoro nei settori dei trasporti, della logistica e dell’edilizia.

Alitalia: trovare un acquirente con capacità industriali

Tipo: 

  • News

“Noi abbiamo davanti un’azienda commissariata perché è fallita, ci sono i commissari ed il loro compito, dentro la procedura, è trovare un’acquirente”. Così Nino Cortorillo, segretario nazionale della Filt Cgil intervenendo alla trasmissione Radio Anch’io di Radio Uno sulla situazione di Alitalia, aggiungendo che “nella condizione data, con i netti miglioramenti anche della gestione commissariale ma anche e soprattutto con un prestito di 900 milioni, si riesce a dare continuità”.
Secondo Cortorillo Alitalia “deve trovare un acquirente con capacità industriali, altrimenti non è destinata a trovare un futuro, in quanto non esiste una compagnia aerea che stia in piedi da sola”.

INTERVISTA A SUSANNA CAMUSSO

Tipo: 

  • News

Pubblichiamo le domande del giornalista Marco Damilano al segretario generale della Cgil. IN CGIL SI CHIUDE LA FASE DELLE TENSIONI.  NEL PAESE CI VUOLE UNA SINISTRA UNITA E FELICE. Crisi della sinistra, ma anche crisi dei sindacati, referendum costituzionale vinto, ma anche sconfitta del sindacato confederale nella vertenza Alitalia, tensioni continue con i partiti della sinistra e necessità di superare le politiche fallimentari di questi anni a partire dal Jobs Act, il giudizio sulle proposte di reddito di cittadinanza (“non risolve né la questione della disuguaglianza, né quella della mancanza di reddito. Noi pensiamo sia indispensabile mantenere uno stretto legame tra reddito e lavoro”), battaglie politiche sui contenuti, unità interna della Cgil e nuovi assetti del gruppo dirigente in vista del Congresso del 2018 che segnerà la conclusione degli otto anni di mandato di Susanna Camusso. 

Nuova guida Inca: mamme e papà che lavorano

Tipo: 

  • News

L’Italia registra, ormai da molti anni, una spiccata tendenza alla denatalità, le cui cause sono molteplici, dalla precarietà del mercato del lavoro soprattutto per i giovani, alla carenza di servizi sociali per la prima infanzia; dalla lunga crisi di questi anni, dalla quale sembra sempre più difficile uscire, all’assenza di adeguati strumenti a sostegno della genitorialitá. L’unico apporto alla crescita della popolazione è rappresentato dalle donne immigrate che mantengono un tasso di natalità superiore alle italiane, ma più lungo è il periodo di residenza più i comportamenti sociali tendono ad uniformarsi.

SAVE nuova proprietà: finanza, strategia aeroportuale e lavoro

Tipo: 

  • News

Come CGIL e FILT del Veneto vorremmo evidenziare alcune preoccupazioni sugli accordi, apparsi sulla stampa in questi giorni, che vedono coinvolto il Presidente Marchi nel riassetto azionario della Società Finit, e conseguentemente sulla governace di Save. In sintesi la costituzione della Società BidGo, composta da tre soci - Marchi, fondi tedeschi (Deutsche Bank) e francesi (Infravia) - che gestirà l’Offerta Pubblica di Acquisto (Opa) con valore dell’azione previsto a 21 euro (cosa che i mercati stanno già apprezzando), dovrà chiudersi entro l’estate, con un ruolo centrale delle azioni detenute indirettamente dalla Morgan Stanley.

Cgil: sui voucher polemiche strumentali

Tipo: 

  • News

“Basta con la falsa propaganda: l'abolizione dei voucher non determinerà l'aumento del lavoro nero, che, purtroppo, non è mai scomparso, neanche con l’introduzione dei ‘buoni lavoro’”. È quanto ha denunciato ieri la segretaria confederale della Cgil Tania Scacchetti. “Da quando il Consiglio dei ministri ha varato il decreto che prevede la cancellazione dei voucher - continua Scacchetti - proliferano analisi e commenti allarmistici che raccontano di un Paese nel caos e di imprese che, senza questo strumento, non potranno più assumere. Vorremmo che il dibattito rientrasse nei giusti binari”. “Negli ultimi dati Istat sul lavoro nero si stima che questo assorbiva circa il 16% delle posizioni lavorative e delle unità di lavoro nel nostro Paese (tre milioni di persone), mentre i voucher, che peraltro sono molto più utilizzati nelle regioni in cui l'incidenza del lavoro nero è minore, con lo stesso calcolo avrebbero coperto circa lo 0,3%.

Cifre citate da Boeri, nella sua audizione in Commissione lavoro, da cui si deduce che è fortemente probabile che i voucher abbiano loro stessi coperto condizioni di lavoro nero, laddove sono stati utilizzati per un numero di ore inferiore a quelle effettivamente prestate”.

Voucher e appalti: la Camera approva la legge

Tipo: 

  • News

L'aula della Camera ha approvato il decreto legge recante disposizioni urgenti per l'abrogazione delle disposizioni in materia di lavoro accessorio nonché per la modifica delle disposizioni sulla responsabilità solidale in materia di appalti, con 232 sì, 52 no e 68 astenuti. Il provvedimento passa ora all'esame del Senato. La notizia è accolta da un lungo applauso nel presidio Cgil a Montecitorio, dal quale arriva il messaggio che il sindacato continuerà a vigilare anche nel passaggio conclusivo a Palazzo Madama. "Abbiamo vinto il primo round, ma non smobilitiamo", fa sapere il leader della confederazione Susanna Camusso. giungendo al sit-in: "Abolire i voucher – aggiunge – è un fatto di democrazia. La politica si preoccupi di contrastare il lavoro nero".

Pagine