Alitalia

Alitalia: servono risposte rapide o scadrà la cassa integrazione

Tipo: 

  • News

Sono vari i quotidiani che tornano oggi a parlare di Alitalia. Riprendiamo la notizia sulle pagine di Roma del Messaggero (servizio di Michele Di Branco, p. 16). Alitalia, corsa contro il tempo. I commissari straordinari della compagnia di bandiera hanno convocato i sindacati, per un incontro informale per fare il punto sull'offerta vincolante e il piano industriale che la cordata formata da Fs, Atlantia, Mef e Delta deve presentare entro la scadenza del 15 settembre. Il ministro dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, prima dell'apertura della crisi, aveva assicurato che il governo avrebbe «seguito la scrittura del piano, che deve essere sul lungo raggio ma, soprattutto, non deve sacrificare l'occupazione».

Cgil Veneto: crisi, considerare le tante emergenze economico-sociali

Tipo: 

  • News

“Siamo di fronte ad una crisi politica improvvisa e al buio che, per modalità, tempistiche e parole d’ordine, rappresenta una scelta irresponsabile, fatta sulla pelle dell’Italia e per un puro calcolo di potere”. A dirlo è Christian Ferrari, segretario generale della Cgil Veneto. “Quella di Matteo Salvini - Continua Ferrari - è una decisione avventuristica, che non tiene in alcun conto le tante emergenze economico-sociali del Paese. Una decisione che, come abbiamo visto ieri in Senato, non sembra neppure pienamente convinta, che presenta persino tratti di inconsapevolezza, a conferma che non esiste vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare".

Trasporto Aereo: i perché dello sciopero nazionale del 21 maggio 2019

Tipo: 

  • News

Proclamazione seconda azione di sciopero nazionale di 24 ore per il giorno 21 maggio 2019, dalle ore 00.00 alle ore 23.59 per tutto il personale dipendente delle società/compagnie del settore Trasporto Aereo. Le ragioni della vertenza nazionale sono le seguenti. In questi ultimi vent’anni il settore del trasporto aereo ha vissuto una fase di accentuata dicotomia, una costante crescita del numero dei passeggeri e del volato da un lato, mentre, dall’altro, una sempre maggiore crisi delle imprese della filiera del trasporto aereo con un proliferare di situazioni fallimentari, in alcuni casi della stessa impresa più volte nel tempo, come nel caso di Alitalia.

Alitalia: accordo su cassa integrazione, incontro per ccnl

Tipo: 

  • News

Incontro a Roma tra sindacati e compagnia per la quinta proroga del ccnl, con gli stessi trattamenti economici applicati finora. Ma spunta un nuovo problema: l'Antitrust Ue indaga sul prestito ponte. Camusso: "Scelta sbagliata, non un è aiuto di Stato." Trovato l’accordo sulla cassa integrazione, adesso si passa all’applicazione del contratto nazionale. È in calendario per oggi (giovedì 26 aprile 2018) a Roma, presso la sede di Assaereo, l’incontro tra sindacati e Alitalia per l’ennesima proroga del ccnl, scaduto il 31 dicembre 2016. Una proroga voluta da Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Ugl Ta, Anpac e Anpav, e certamente non osteggiata dalla compagnia, utile a eliminare ulteriori tensioni in una vertenza, quella appunto di Alitalia, che ogni giorno presenta nuove difficoltà. La quinta proroga (la prima risale al febbraio 2017) dovrebbe prevedere gli stessi trattamenti economici e normativi finora applicati, oltre a ribadire l'importanza di consolidare il contratto collettivo di settore.

Alitalia: trovare un acquirente con capacità industriali

Tipo: 

  • News

“Noi abbiamo davanti un’azienda commissariata perché è fallita, ci sono i commissari ed il loro compito, dentro la procedura, è trovare un’acquirente”. Così Nino Cortorillo, segretario nazionale della Filt Cgil intervenendo alla trasmissione Radio Anch’io di Radio Uno sulla situazione di Alitalia, aggiungendo che “nella condizione data, con i netti miglioramenti anche della gestione commissariale ma anche e soprattutto con un prestito di 900 milioni, si riesce a dare continuità”.
Secondo Cortorillo Alitalia “deve trovare un acquirente con capacità industriali, altrimenti non è destinata a trovare un futuro, in quanto non esiste una compagnia aerea che stia in piedi da sola”.

Preaccordo Alitalia: ora i lavoratori decideranno col referendum

Tipo: 

  • News

“Questo non è un accordo, ma è il raggiungimento di un punto ritenuto quello conclusivo e che ora consegniamo ai lavoratori attraverso il referendum”. Così il segretario nazionale della Filt Cgil Nino Cortorillo sull’esito nella notte della trattativa Alitalia spiegando che “rispetto al 2008 ed al 2014 in questa crisi non abbiamo fatto un accordo, ma abbiamo raggiunto il punto massimo a cui si poteva arrivare dopo una trattativa lunghissima e difficilissima che ha visto presenti tre segretari confederali, tre ministri ed indirettamente il presidente del Consiglio”. “In un’azienda – spiega il dirigente nazionale della Filt – che nel giro di dieci giorni non avrebbe avuto un generico problema di cassa ma il rischio degli aerei a terra, l’alternativa era di fatto il commissariamento e lo spezzatino oppure arrivare al punto a cui è stato possibile, togliendo di mezzo i licenziamenti, come nelle altre occasioni, e chiedendo purtroppo un sacrificio improprio ai lavoratori perché non è il tema del costo del lavoro la causa dei problemi di Alitalia”.

Alitalia: sciopero di 24 ore il 5 aprile 2017

Tipo: 

  • News

“Siamo nella fase più delicata di tutta la vertenza Alitalia, con lo sciopero di 24 ore del 5 aprile 2017 si segna un passaggio importante, afferma Federica Vedova Segretaria della Filt Veneto, “lo stesso Ministro Delrio sollecita i vertici aziendali ad individuare un piano industriale e di rilancio che non proponga, ancora una volta, tagli sul personale e sul costo del personale. Nel Veneto Alitalia è ancora un vettore importante, anche in termini economici, sono molte le aziende che lavorano per la compagnia, alcune in forma esclusiva, il cosiddetto indotto, che rischiano indirettamente di subire la crisi Alitalia in maniera pesante. Anche la politica è preoccupata di questa grave crisi e l’interrogazione parlamentare indirizzata al Ministro del lavoro e delle politiche sociali che pubblichiamo in allegato ne è la prova.

Alitalia: attesa per l’incontro con il governo. Si trovi soluzione a crisi

Tipo: 

  • News

“Consapevoli del ruolo che può assolvere, aspettiamo con grande attesa l’incontro con il Governo di lunedì prossimo”. E’ quanto afferma il segretario nazionale della Filt Cgil Nino Cortorillo spiegando che “da parte nostra andremo ad illustrare la nostra posizione di allarme sulla situazione di Alitalia”. “Nel corso del mese passato dall’ultimo incontro con il Governo - aggiunge il dirigente nazionale della Filt - abbiamo atteso la presentazione del piano industriale per poter finalmente conoscere nel merito la volontà ed il progetto degli azionisti per superare la crisi della compagnia ma finora l’unico oggetto di discussione sono stati i tagli proposti a salari e contratto, stravolgendo ed annullando il contratto nazionale”. “Ci auguriamo che l’incontro con il Governo - sostiene infine Cortorillo - sciolga i nostri dubbi sulle reali intenzioni degli azionisti a trovare una soluzione alla delicata situazione attuale”. Vedi anche:

http://www.filtcgil.it/index.php/alitalia-sindacati-preoccupazione-per-l...

Alitalia: Filt diffida a non a stravolgere ccnl

Tipo: 

  • News

“Respingiamo la volontà di Alitalia di stravolgere ed annullare il contratto nazionale”. E’ quanto afferma il segretario nazionale della Filt Cgil Nino Cortorillo, in merito alla lettera di diffida inviata ad Alitalia ed Assaereo ad interrompere iniziative unilaterali su contratto ed accordi, spiegando che “l’intenzione di Alitalia di passare dal 1 marzo dal contratto nazionale a un regolamento aziendale è una provocazione a cui le Federazioni nazionali dei trasporti, Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Ugl Trasporto Aereo, hanno risposto diffidando l’azienda dal decidere in via unilaterale su norme pattizie”. “Questo – aggiunge il dirigente nazionale della Filt – mentre l’assenza di un piano industriale fa sorgere ogni dubbio sulle reali volontà degli azionisti”. Secondo Cortorillo infine “chi gioca ad alzare la tensione farebbe bene ad impegnarsi nella soluzione delle troppe criticità emerse nei conti e negli sprechi aziendali”. 13 febbraio 2017

Alitalia: non c’è ancora un piano industriale

Tipo: 

  • News

“Se qualcuno volesse capire in che stato versa Alitalia basterebbe quanto avvenuto in questi mesi ed oggi per rendersene conto”. E’ quanto sostiene il segretario nazionale della Filt Cgil Nino Cortorillo sulla situazione della compagnia aerea sottolineando che “da mesi viene quasi quotidianamente annunciato un piano industriale che dovrebbe affrontare la crisi; da mesi si susseguono notizie, vere o bufale, non è mai dato sapere, che preannunciano tagli occupazionali pesantissimi; da mesi, dietro le diplomatiche affermazioni a uso mediatico, è in atto una feroce tensione tra gli azionisti, Etihad e banche in primo luogo, e sempre da mesi sindacati e lavoratori richiedono e attendono che si apra un confronto di merito sulla reale situazione produttiva e finanziaria e sulle decisioni che si dovrebbero assumere”. 

Pagine

Abbonamento a RSS - Alitalia