filt veneto

Previdenza: depennata dall'agenda di governo?

Tipo: 

  • News

La questione del superamento della legge Fornero è stata esclusa dalla conferenza stampa del premier Conte. Ghiselli: "Finora nessuna risposta. Si passi dalle parole ai fatti: occorre aprire un confronto con i sindacati". Il tema della previdenza e quello di una riforma complessiva che superi la legge Fornero "sembrano essere stati depennati dall'agenda del governo”. Lo osserva il segretario confederale della Cgil nazionale, Roberto Ghiselli commentando la conferenza stampa odierna del presidente del consiglio Giuseppe Conte, prima della pausa estiva, durante la quale non si è fatto alcun accenno alla questione.

“Altre fonti – prosegue il dirigente sindacale -, ipotizzano l’intenzione di varare esclusivamente la cosiddetta “quota 100”, misura che se realizzata con i vincoli e le penalizzazioni previste ad oggi riguarderebbe pochissimi lavoratori e altro non sarebbe che un ulteriore parziale ritocco alla legge Fornero che rimarrebbe intatta nel suo impianto”.

Decreto dignità: persa occasione per lavoro buono

Tipo: 

  • News

Con 155 voti favorevoli il Senato ha dato oggi il via libera definitivo al cosiddetto decreto dignità, che diventa così legge. Il testo non ha subito correzioni in commissione rispetto a quello licenziato da Montecitorio il 2 agosto ed è arrivato in Aula a Palazzo Madama senza mandato al relatore. I senatori hanno esaminato i circa 700 emendamenti presentati dopo che erano state bocciate le pregiudiziali di costituzionalità presentate da FI e PD. “Un titolo impegnativo ma francamente inopportuno”. Così Tania Scacchetti, segretaria confederale della Cgil, commenta l'approvazione. “Si era partiti con un obiettivo affatto scontato, mettere al centro dell’intervento la dignità del lavoro contrastando la precarietà, ma si è risolto in un intervento che contraddice nei fatti quel titolo ambizioso e importante, a partire dalla reintroduzione dei voucher. 

Si continua a inseguire la logica del lavoro mordi e fuggi, poco retribuito e dequalificato, che svilisce competenze e professionalità”.

Incendio A14 Bologna: priorità a sicurezza stradale viaggiatori e sul lavoro dei conducenti

Tipo: 

  • News

“Massima attenzione al tema della sicurezza stradale e delle condizioni di lavoro dei conducenti, in particolare nel trasporto di materiale infiammabile”. E’ quanto chiede la Filt Cgil, a seguito dell’incidente stradale avvenuto sul tratto dell’A14, all’altezza di Borgo Panigale aggiungendo che “siamo in attesa di conoscere gli esiti degli accertamenti delle Autorità sulle cause e sulle responsabilità di quanto accaduto”.
“In ogni caso serve da subito attivare, soprattutto in questi giorni d’inteso traffico, misure concrete e congiunte da parte del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, del Ministero dell’Interno, della Polizia Stradale, coinvolgendo nell’iniziativa tutti i concessionari autostradali, per garantire la sicurezza stradale dei conducenti di mezzi pesanti e di tutti gli utenti”.
“Esprimiamo – aggiunge infine la Filt – cordoglio ai familiari delle vittime coinvolte nell’incidente, vicinanza ai feriti e sVedi anche su: http://www.rassegna.it/articoli/filt-assicurare-sicurezza-per-viaggiator...olidarietà a tutti coloro che sono coinvolti nei soccorsi”.

Infrastrutture per il funzionamento del sistema dei trasporti

Tipo: 

  • News

Ci sono affermazioni condivisibili nella relazione del ministro Toninelli contenute nella relazione alla Commissione Trasporti della Camera. Sostenere che in Italia c’è la necessità di sviluppare al massimo la cura del ferro e la intermodalità è la linea politica da tempo indicata dalla Cgil”. A parlare e il segretario confederale Vincenzo Colla che, seppur d’accordo con la via indicata dal ministro - specie a proposito della indicazione del migliore funzionamento delle tratte regionali, vera e propria via crucis di migliaia di lavoratori studenti pendolari - valuta come “non coerente con essa la prima azione politica di Toninelli che ha di fatto messo in discussione le arterie infrastrutturali oggi già poste in cantiere e finalizzate essenzialmente al completamento del sistema della mobilità complessivo”.

A parere del dirigente della Cgil “le grandi arterie di comunicazione nazionali ed europee devono funzionare come una piattaforma integrata sul territorio del Paese”.  Il sindacalista invita perciò il Ministro a ragionare su questo punto ed esprime l’auspicio che “superata la fase di propaganda elettorale, si possa finalmente passare alla gestione e al funzionamento del sistema dei trasporti” rammentandogli inoltre che “la libertà di movimento delle persone è un diritto costituzionale e deve perciò essere garantito”.

Fedex Tnt: parte negoziato al Ministero del Lavoro

Tipo: 

  • News

“Serve un coordinamento tra i Ministeri del Lavoro e dello Sviluppo Economico”. Lo chiede la Filt Cgil, in merito alla vertenza Fedex Tnt, che “come da procedura, dopo la fase di confronto in sede aziendale, è approdata il 19 giugno 2018 al Ministero del Lavoro, dove si tiene l’unico tavolo negoziale deputato a trovare un accordo con le necessarie garanzie occupazionali”. “Entro il 6 luglio, termine di chiusura della procedura – spiega la Federazione dei Trasporti della Cgil – la trattativa, con i prossimi incontri del 25 e 26 giugno con le due aziende e del 4 luglio di nuovo alla presenza del Ministero del Lavoro, deve entrare nel merito e scongiurare i 361 licenziamenti ed il trasferimento di 115 lavoratrici”.

Migranti: No a chiusura porti. Pronti a mobilitazione

Tipo: 

  • News

“E’ grave la decisione del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli di assecondare la scellerata scelta di chiudere i nostri porti alle navi dei profughi in cerca di salvezza”. Lo afferma la Filt Cgil nazionale sul caso della nave Acquarius sottolineando che “è una scelta senza precedenti che ha tutte le connotazioni di una barbarie, volta a negare i diritti umani a centinaia di vite tra cui molti bambini, diventati, purtroppo, oggetto di speculazione politica”.
Secondo la Federazione dei Trasporti della Cgil “i trattati internazionali vanno rispettati e praticati perché i diritti umani delle persone vanno assicurati in ogni caso. Il ministro Toninelli – chiede la Filt Cgil nazionale – eviti, anche in futuro, di essere complice di un’evidente forzatura che non può essere la soluzione al problema, considerando tra l’altro le disponibilità all’accoglienza di molti sindaci, quali quelli di Napoli, Messina, Ravenna, Taranto, Palermo e Reggio Calabria. Auspichiamo che, presto, se ne possano aggiungere altri, oltre alle migliaia di lavoratori dei settori dei trasporti, indignati per queste decisioni e pronti a mobilitarsi”.

Incidente ferroviario di Caluso: cordoglio per le vittime e verifica sicurezza

Tipo: 

  • News

Nell’incidente che ha coinvolto il treno regionale Torino – Ivrea nella notte tra il 23 e il 24 maggio hanno perso la vita il macchinista Roberto Madau, 61 anni, alla guida del convoglio, e il lavoratore che prestava servizio di scorta al mezzo di trasporto eccezionale, Stefan Aurelian, 54 anni, di origine romena. I feriti sono 23, di cui due gravi. L'incidente è avvenuto a Caluso, in località Arè, dove un tir di un trasporto eccezionale è rimasto bloccato sui binari ed è stato travolto da un treno regionale diretto a Ivrea. Indagato per disastro ferroviario l'autista del mezzo pesante, Darius Zujis, lituano di 39 anni. “Alle famiglie dei lavoratori deceduti tutto il nostro dolore e tutta la nostra solidarietà ai feriti. È necessario che con l’insediamento del nuovo governo si metta al primo posto la sicurezza che nei trasporti è una priorità assoluta per la gestione quotidiana delle attività, a maggior garanzia dei cittadini e degli addetti”, si legge in una nota di Filt Cgil, Uiltrasporti, Ugl e Fast.

Il PERCORSO CONGRESSUALE CGIL

Il Comitato direttivo Cgil del 10 marzo ha eletto la commissione politica, composta da 52 membri più i componenti della segreteria nazionale e votato la delibera che dà il via al percorso congressuale. Tra il 5 aprile e il 18 maggio è previsto lo svolgimento di circa 1500 assemblee generali che si terranno nei luoghi di lavoro su tutto il territorio nazionale.

Pagine

Abbonamento a RSS - filt veneto