Ministero del Lavoro

Attività ferroviarie in appalto: senza risposte sarà mobilitazione!

Tipo: 

  • News

“Senza risposte dal Governo e dal Gruppo Fs alle nostre istanze per tutti i lavoratori del settore, si va verso una mobilitazione con manifestazione nazionale”. Lo hanno annunciato Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Ugl Attività Ferroviarie, Fast Confsal nel corso dell’attivo nazionale dei delegati degli appalti ferroviari che si è tenuto oggi a Roma all’insegna dello slogan ‘Cambiare il lavoro.

Appalti ferroviari: la politica miope di Governo e Committenza

Tipo: 

  • News

Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Ugl TAF e Fast Confsal ringraziano tutte le lavoratrici ed i lavoratori impiegati nei servizi ferroviari in appalto per la massiccia adesione, fino al 100% in alcuni territori, allo sciopero nazionale del 24 settembre. Si tratta degli addetti ai servizi ferroviari in appalto di pulizia dei treni e delle stazioni, della ristorazione a bordo treno e accompagnamento sui vagoni notte che hanno partecipato ai vari presidi che si sono svolti in molte stazioni e città tra cui Torino, Genova, Milano, Bologna, Firenze, Roma e Bari e Paola, dove sono a rischio centinaia di posti di lavoro a causa dell’esaurimento degli ammortizzatori sociali.

Ricordiamo le motivazioni della protesta: affidamento dei lotti messi a gara con ribassi eccessivi, continui cambi appalto per l’assegnazione dei servizi, mancata applicazione delle clausole sociali e occupazionali, in palese violazione del dlgs. 50/2016 e del ccnl, esaurimento degli ammortizzatori sociali.

FS servizi ferroviari in appalto. A rischio 2 mila addetti: sciopero 24-9

Tipo: 

  • News

Stop a pulizia stazioni, treni e servizi accessori, ristorazione, pulizia a bordo e accompagnamento notte. “Il prossimo 24 settembre, dopo quello dello scorso 20 luglio, si terrà, per l’intero turno di lavoro, il secondo sciopero nazionale del personale dipendente delle aziende che operano nel settore degli appalti ferroviari del Gruppo FS Italiane”. A proclamare la protesta sono unitariamente Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Ugl TAF e Fast Confsal denunciando che “a causa all’esaurimento degli ammortizzatori sociali sono a rischio esubero oltre 2 mila addetti su 10 mila totali, impiegati nei servizi ferroviari prevalentemente in appalto di pulizia treni, stazioni e servizi accessori, di ristorazione e pulizia a bordo treno e di accompagnamento notte”.
“Al Ministero del Lavoro – spiegano le organizzazioni sindacali – a cui abbiamo più volte richiesto di intervenire, spetta il compito di risolvere la questione degli ammortizzatori in scadenza e della validazione delle tabelle del costo del lavoro convenute tra le parti”.

Appalti Ferroviari: proclamata 2 azione di sciopero 

Tipo: 

  • News

Facendo seguito alla prima azione di sciopero del 20 luglio scorso, le Segreterie Nazionali hanno proclamato una seconda astensione dal lavoro nel settore degli appalti ferroviari per il giorno 24 settembre 2018.

Dopo un infruttuoso rinvio di riunione in giugno, presso la sede istituzionale del Ministero del Lavoro, e un verbale di mancato accordo il 20 luglio 2018 effettuava la prima azione di sciopero, a seguito della quale non si è riscontrata nessuna volontà delle Parti (Imprese appaltatrici, Gruppo FSI e del Ministero del Lavoro) di procedere alla risoluzione della grave vertenza.

A causa delle varie aree di crisi presenti sul territorio nazionale nel settore degli appalti di servizio del gruppo FSI il sindacato aveva già segnalato al gruppo FSI il tema (con nota del 10/04/2018 prot. n. 111/2018/SU/AF fs/ar) e le problematiche sotto riportate:

· Affidamento dei lotti messi a gare con ribassi eccessivi;

· Cambi continui delle imprese alle quali vengono affidati i servizi;

Fedex-TNT: accordo al Ministero, evitati licenziamenti e trasferimenti

Tipo: 

  • News

“Scongiurati i licenziamenti e fermati i trasferimenti per tutti gli addetti e le addette, attraverso ricollocazioni all’interno del perimetro aziendale e nelle stesse aree a partire dalla Lombardia, dal Piemonte e nel Mezzogiorno ed esodi volontari incentivati”. Lo affermano Giulia Guida, segretaria nazionale della Filt Cgil e Antonio Pepe della Filt Cgil, in merito all’intesa, raggiunta al Ministero del Lavoro con Fedex e Tnt sulla procedura di licenziamento per 361 lavoratori e sulla comunicazione di trasferimento per 115 lavoratrici.
 

Alitalia: accordo su cassa integrazione, incontro per ccnl

Tipo: 

  • News

Incontro a Roma tra sindacati e compagnia per la quinta proroga del ccnl, con gli stessi trattamenti economici applicati finora. Ma spunta un nuovo problema: l'Antitrust Ue indaga sul prestito ponte. Camusso: "Scelta sbagliata, non un è aiuto di Stato." Trovato l’accordo sulla cassa integrazione, adesso si passa all’applicazione del contratto nazionale. È in calendario per oggi (giovedì 26 aprile 2018) a Roma, presso la sede di Assaereo, l’incontro tra sindacati e Alitalia per l’ennesima proroga del ccnl, scaduto il 31 dicembre 2016. Una proroga voluta da Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Ugl Ta, Anpac e Anpav, e certamente non osteggiata dalla compagnia, utile a eliminare ulteriori tensioni in una vertenza, quella appunto di Alitalia, che ogni giorno presenta nuove difficoltà. La quinta proroga (la prima risale al febbraio 2017) dovrebbe prevedere gli stessi trattamenti economici e normativi finora applicati, oltre a ribadire l'importanza di consolidare il contratto collettivo di settore.

Handlers: sciopero il 21 novembre 2017. Ecco perché!

Tipo: 

  • News

Nel dicembre 2015 la difficile vertenza contrattuale della sezione dell'handling si chiuse con un accordo che a fronte degli aumenti dei minimi tabellari identici a quelli di Assaeroporti ridusse il loro impatto congelando sino al luglio 2017 gli effetti automatici su tutte le voci variabili (straordinario, notturni e festivi). Con una interpretazione totalmente strumentale l'Associazione Assohandlers e le Aziende del settore si rifiutano di riconoscere questo diritto ai lavoratori e alle lavoratrici del settore, mancando agli impegni presi, in modo pretestuoso e illegittimo. Scioperiamo per la mancata applicazione del CCNL del settore Trasporto Aereo Sezione Specifica Handlers, accordo dicembre 2015, in riferimento alle previsioni H15, in particolare i commi 2 e 8, che, in combinato disposto, definiscono in modo inequivocabile a partire dal 1 luglio 2017 della paga oraria, per il calcolo degli variabili ed alla tabella comprensiva degli aumenti di decorrenza inserita nel medesimo articolo contrattuale.

SDA: il futuro dei lavoratori diretti e indiretti in Veneto

Tipo: 

  • News

La Filt Veneto ha chiesto un incontro urgente per discutere e affrontare la grave situazione delle ricadute sui lavoratori delle filiali del Veneto causata dai blocchi delle attività nei principali siti nazionali SDA. Come Filt siamo fortemente preoccupati soprattutto per la tenuta occupazionale rispetto al calo di attività che da alcune settimane si sta verificando nelle filiali venete e le ripercussioni, in modo particolare nei servizi appaltati, che già coinvolgono molti lavoratori. SDA ha risposto a questa richiesta (vedi allegato) accordando l’incontro nel pomeriggio del 19 ottobre 2017. La vertenza veneta si inquadra in quella di livello nazionale. “Non accetteremo alcuna contrazione occupazionale né riduzione dei trattamenti in quanto, ancora una volta, le conseguenze di un sistema distorto ricadrebbero sui lavoratori”. E’ quanto sostiene la segretaria nazionale della Filt Cgil, Giulia Guida sulla vertenza Sda e sulla possibilità dell’apertura della procedura di licenziamento collettivo per i 1.500 lavoratori della società controllata da Poste.

Pagine

Abbonamento a RSS - Ministero del Lavoro