Sciopero

Tnt Fedex: lavoratori in sciopero contro licenziamenti e trasferimenti

Tipo: 

  • News

La Filt Cgil di Venezia, plaude al grande risultato ottenuto con lo sciopero di Tnt Fedex di quest'oggi 17.5.2018. Dalle 6 di questa mattina i lavoratori e le lavoratrici di Fedex-Tnt nelle sedi di Marcon hanno incrociato le braccia per protestare contro la procedura di licenziamenti/trasferimenti pervisti con la procedura presentata nei giorni scorsi a Roma, grazie alla quale più di 500 persone in tutta Italia dovrebbero restare a casa.

Nell hub Fedex di Marcon c'è stata un'adesione del 100% allo sciopero, un risultato storico per una realtà fino ad ora scarsamente sindacalizzata. Nonostante ciò si è sventolata la bandiera della Filt, poiché i lavoratori e le lavoratrici hanno capito che l'azienda che fino a ieri sembrava fosse tanto magnanima, ora di fronte ad una mutata dirigenza con logiche meramente legate all'ingordo guadagno è diventata matrigna.

Trasporto merci: solidarietà sciopero Amazon Germania

Tipo: 

  • News

Di seguito la traduzione della lettera di solidarietà della Filt Cgil al sindacato tedesco Ver.di, che ha organizzato per il 24 aprile uno sciopero dei lavoratori Amazon. Lo sciopero si svolgerà contemporaneamente alla cerimonia di premiazione di Jeff Bezos, che riceverà nelle stesse ore a Berlino il premio Axel Springer. 
“Cari compagni, care compagne, La Filt-Cgil esprime la propria solidarietà per lo sciopero Amazon da voi organizzato a Berlino il prossimo 24 aprile. 
Siamo profondamente convinti del fatto che questa dimostrazione abbia un significato particolarmente simbolico, essendo in coincidenza con la cerimonia di premiazione di Jeff Bezos per l’Axel Springer Award: si tratta di un'importante opportunità per sensibilizzare l'opinione pubblica sulla situazione dei lavoratori di Amazon e far sentire la loro voce. 
Siamo tutti impegnati a denunciare e combattere le pessime condizioni di lavoro, la precarietà, lo sfruttamento la mancanza di tutele sociali che colpiscono i lavoratori Amazon in tutto il mondo. 
Tutti noi lottiamo contro questa nuova forma di schiavitù! 
Ci uniamo a voi nella vostra protesta e vi auguriamo il miglior successo per questa iniziativa. 

In solidarietà,
Alessandro Rocchi 

Autotrasporto: sciopero riuscito nel veronese. Ricollocati i licenziati.

Tipo: 

  • News

Sciopero alla filiale Susa Trasporti S.p.A. di Sona (VR), in solidarietà a due colleghi licenziati per cambio di fornitore. Tutto nasce un anno fa quando la Filt Cgil Verona convince Susa, committente, a sottoscrivere un accordo per tutelare gli autisti, che lavorano nella filiale alle dipendenze delle rispettive aziende, in caso di cambio fornitore, con garanzia occupazionale e piena applicazione del CCNL Logistica, Trasporto Merci e Spedizione. Questo importante accordo si pone l’obiettivo di evitare la possibile deriva che purtroppo dilaga nel settore della Logistica e dell’Autotrasporto, con eventi di dumping contrattuale e infiltrazioni malavitose. Lo sciopero di oggi ha ottenuto la ricollocazione dei due lavoratori licenziati (a causa di cessazione della Ditta) alle medesime condizioni preesistenti, con mantenimento dell’anzianità, tempo indeterminato senza periodo di prova, art. 18 in caso di licenziamento illegittimo ed esclusione delle tutele crescenti. 

NTV: avviata discussione su ccnl e premi

Tipo: 

  • Documenti

“Avviata oggi 14 febbraio una discussione preliminare di merito sulle questioni aperte”. E’ quanto affermano unitariamente Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Fast Mobilità e Ugl Taf a seguito dell’incontro di oggi con la dirigenza Italo su contratto e premi commentando che “finalmente, ed anche a seguito della massiccia adesione allo sciopero del 29 gennaio, si é aperta la discussione contrattuale nel corso della quale l’azienda si è impegnata a presentare una proposta a partire dal capitolo del sistema delle relazioni industriali e si è stabilito un fitto calendario di incontri a partire dal 20 febbraio”.
“Per quanto concerne i premi in sospeso, l’azienda – riferiscono infine le organizzazioni sindacali dei Trasporti – si é impegnata a chiudere il pregresso, rispettando i tempi previsti dagli accordi afferenti il premio di risultato residuo 2014, il premio 2017 e il super premio per gli ottimi risultati economici raggiunti mentre per quanto riguarda il premio di risultato 2015 sta valutando un’eventuale sanatoria”.

14 febbraio 2018

Ccnl merci logistica: approvato dai lavoratori in Veneto

Tipo: 

  • News

Per due mesi nel Veneto i lavoratori del settore della logistica e del trasporto merci hanno discusso e valutato i contenuti del rinnovo ccnl del 3 dicembre 2017 sottoscritto da Filt Fit e Uiltrasporti dopo una trattativa nazionale durata due anni. Il ccnl è stato conquistato dopo una durissima lotta con sciopero e manifestazioni durati tre giorni in tutto il paese e dove in Veneto ha avuto un’adesione ed una partecipazione massiccia. In Veneto si sono svolti 4 attivi dei delegati e oltre 199 assemblee nei luoghi di lavoro. Il dibattito tra i lavoratori è stato franco e importante.

Aeroporti: sciopero addetti handling per contratto

Tipo: 

  • News

“Domani, venerdì 19 gennaio 2018, sciopero nazionale di 24 ore in tutti gli aeroporti di tutti gli addetti delle aziende di handling (servizi di carico e scarico bagagli, trasporto passeggeri, check-in)”. La protesta è stata unitariamente proclamata da Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Ugl Trasporto aereo per “la mancata applicazione del contratto nazionale del settore Trasporto Aereo nella sezione handling”.

Trenitalia manutenzione Mestre: 90% la partecipazione allo sciopero

Tipo: 

  • News

Oltre il 90% del personale dell’Impianto di Manutenzione di Trenitalia di Mestre ha aderito all’iniziativa di protesta del 9 gennaio 2018. L’incertezza e la preoccupazione per il futuro dell’impianto, la riduzione delle manutenzioni per Mestre, l’insicurezza in termini di livelli occupazionali e di qualità del lavoro, sono emersi dalla grande partecipazione alla mobilitazione. Lo sciopero odierno è da considerarsi l’inizio di un percorso vertenziale che si pone come obiettivi mantenimento dei livelli occupazionali presenti nel territorio, sviluppo ed investimenti che tengano conto delle competenze già disponibili; in attesa e in funzione di scelte aziendali diverse che mettano al centro il lavoro tenendo in considerazione l’eccellenza espressa nella manutenzione di Trenitalia a Mestre. L’Impianto Manutenzione di Mestre deve rimanere un punto di riferimento nazionale di Trenitalia e i Lavoratori, organizzati dalle Segreterie Regionali del Veneto, oggi hanno dato un segnale importante di unità e forza.

In assenza di adeguate risposte si proseguirà con le azioni che si renderanno necessarie per la tutela dell’occupazione e della professionalità oggi presenti nel nostro territorio.

Trenitalia: sciopero personale manutenzione impianto di Mestre

Tipo: 

  • News

Le Organizzazioni Sindacali del Veneto hanno dichiarato unitariamente uno sciopero di 8 ore dalle 9 alle 17 per il giorno 9 gennaio 2018 del Personale Trenitalia della Manutenzione DPLH dell’Impianto di Mestre. La motivazione si deve ad una situazione di poca chiarezza in cui i Lavoratori dell’impianto si trovano ad operare ormai da troppo tempo e le conseguenti prospettive occupazionali del sito. La conclusione dei processi commerciali che hanno coinvolto Trenitalia negli ultimi due anni, più nello specifico la modifica con la sostituzione dei treni FrecciaBianca con i FrecciaRossa, ha portato ad una drammatica riduzione delle manutenzioni per ciò che riguarda Mestre (la manutenzione Freccia Rossa è prevalentemente effettuata a Milano) e rende assolutamente insufficiente in termini di quantità e qualità il lavoro di circa 250 dipendenti di Trenitalia.

Trenitalia Regionale Veneto: sciopero personale viaggiante 26.11.2017

Tipo: 

  • News

Dopo molti anni le Organizzazioni Sindacali del Veneto hanno dichiarato unitariamente uno sciopero di 8 ore dalle 9 alle 17 di domenica 26 novembre 2017 del Personale degli Equipaggi della Divisione Regionale Veneto di Trenitalia. La motivazione riguarda la necessità di adeguare gli organici del Personale Mobile (macchinisti e capi treno/capi servizio treno) alle necessità produttive. Le carenze di Personale sono il problema centrale dal quale scaturiscono una serie di altre problematiche legate alle condizioni di lavoro e al mancato rispetto degli accordi sottoscritti. La maggior parte delle problematiche come la copertura dei turni e dei servizi, la fruizione delle ore di riposo e dei giorni di ferie non è risolvibile in assenza di nuove assunzioni, soprattutto di macchinisti e capi treno. E la situazione si aggraverà con le prossime uscite di personale per il pensionamento.

Pagine

Abbonamento a RSS - Sciopero