trattative

Referendum AF e FSI: grazie ai lavoratori per l’ampia partecipazione

Tipo: 

  • News

La grande maggioranza di lavoratori/ci delle attività ferroviarie e degli appalti ferroviari hanno votato il referendum ed hanno approvato il nuovo Contratto Nazionale di Lavoro del 16 dicembre 2016. I 3.750 lavoratori che si sono espressi in Veneto, il 61% degli aventi diritto, sono un valore significativo sulla partecipazione democratica dei lavoratori rispetto il loro lavoro e di questi l’81% si è espresso per il SI che convalida il nuovo CCNL. E’ stato valutato positivamente il lavoro svolto dalle OO.SS. nel merito del contratto e il consenso si percepiva già durante le oltre 30 assemblee che in circa 10 giorni si sono svolte unitariamente per discutere, informare e confrontarsi con i lavoratori. Ci sono state critiche di merito, soprattutto tra i lavoratori dell’area merci relativamente alla flessibilità sull’organizzazione del lavoro, che ci consegna una gestione della contrattazione su questo punto importante nel lavoro dei prossimi mesi. 

Di certo complessivamente il CCNL è positivo soprattutto sui suoi obiettivi principali: 

Autostrade: sciopero di 8 ore a fine luglio e 1 agosto

Tipo: 

  • News

Dopo due giorni di estenuanti trattative, il 15 luglio scorso le organizzazioni sindacali hanno preso atto della mancata volontà politica delle aziende del settore di rinnovare il CCNL in tempi rapidi. Le Aziende continuavano a respingere qualsiasi rivendicazione delle Organizzazioni Sindacali e contestualmente reiteravano le loro richieste anche su temi che avevano portato allo sciopero del 5 e 6 giugno scorsi. Nel volantino unitario allegato si riportano i temi principali e la parte economica. Mentre il versante sindacale produceva il massimo sforzo alla ricerca di mediazioni possibili, le Aziende rimanevano invece sulle proprie posizioni. Proposte irricevibili considerando che tali Aziende sono ricche, operano in regime di monopolio, sono tutelate da automatismi che determinano aumenti di pedaggi, ben al di sopra dell'inflazione, in presenza di aumento costante del traffico e dei profitti. Per questo è stato proclamato un nuovo

SCIOPERO GENERALE DI 8 ORE NELLE GIORNATE DI

Anas: accordo nazionale recupero IVC

Tipo: 

  • News

Pubblichiamo il protocollo d'intesa che chiude il contratto di transizione 2015, relativo alla piattaforma unitaria presentata nel 2014. L'intesa recupera a livello tabellare anche l'IVC non erogata da Anas. Al riguardo, si rammenta che tale inadempienza era stata oggetto di vertenze promosse dalle OO.SS. nazionali firmatarie del contratto presso alcuni territori attraverso un collegio unitario di legali. Tale iniziativa nazionale era partita successivamente alla presa d'atto del silenzio che aveva fatto seguito al quesito posto su tale omissione sia al ministero del lavoro sia la dipartimento della funzione pubblica. Lo stesso protocollo prevede quindi, di accompagnare la chiusura di tali vertenze (già aperte e in via di definizione) presso i tribunali di riferimento (Milano, Roma, Pescara, Napoli). Conclusa tale fase, il 3 febbraio prossimo riprenderanno le trattative per il rinnovo del CCNL 2016-2018 sul tema della classificazione.

ANAS: Relazione riunione 19.01.16

Tipo: 

  • News

Si è svolta presso la sede della Filt Nazionale la riunione di coordinamento dei delegati e dei responsabili regionali ANAS per condividere alcuni orientamenti in vista della ripresa delle trattative sul CCNL di settore. La parte più importante della discussione è la presentazione dell'ipotesi di accordo relativa alla non risolta "indennità di vacanza contrattuale". Sul tavolo ci sono 2 proposte delle rappresentanze sindacali, ovvero il riconoscimento dell'intero importo del periodo 2010-2014, forti di alcune cause vinte da Filt CGIL, e dell'importo del 2015. Purtroppo il parere del MEF, le lungaggini strutturali del sistema giustizia portano la contrattazione a definire l'importo solamente sull'arretrato del 2015 senza attendere le i tre gradi di giudizio. La proposta condivisa dai delegati è quella di rigettare l'offerta di una quota "una tantum" bensì che venga riconosciuto come elemento fisso dello stipendio diventandone elemento tabellare. Quindi un sostanziale adeguamento all'inflazione e una base di partenza più alta con tutti i riflessi futuri con delle basi di calcolo più alte, anche nella discussione contrattuale.

TPL Vicenza: fusione AIM/FTV

Tipo: 

  • News

Pubblichiamo l’accordo AIM/FTV di Vicenza sottoscritto da tutti i sindacati il 28 dicembre 2015  che darà vita ad un operatore unico a livello provinciale per competere con gli altri operatori del settore in vista delle prossime gare di bacino per l’assegnazione dei servizi di TPL. Le trattative sono durate alcuni mesi e la procedura usata è stata la cessione di ramo di azienda, L. 428 e il passaggio diretto dei lavoratori presso una “nuova azienda” SVT con la procedura prevista dall’art. 2112 c.c. Nel percorso abbiamo incontrato molte difficoltà e, oltre ai segretari territoriali, hanno partecipato le segreterie regionali. Sicuramente le aziende pensavano a passaggi semplici e senza ostacoli, ritenendo di offrire le adeguate certezze ai lavoratori. Quando abbiamo di essere protagonisti e garanti sul futuro del servizio, sulla sua stabilità finanziaria, sulle prospettive di sviluppo come dell’occupazione, sono emerse le contraddizioni.

Abbonamento a RSS - trattative