valori

Cgil, Cisl e Uil su crisi: mettere al centro il mondo del lavoro

Tipo: 

  • News

Cgil, Cisl e Uil esprimono grande preoccupazione per l’attuale situazione di instabilità politica prodotta in pieno periodo feriale che, se non risolta rapidamente, può ulteriormente ridurre le condizioni per la crescita del Paese, aggravare la situazione economica e sociale di tutto il mondo del lavoro e dei pensionati, non far svolgere alcun ruolo al nostro Paese nella costruzione di una nuova Europa sociale. È il momento della serietà, del pieno rispetto dei principi, dei valori e dei comportamenti indicati dalla nostra Carta Costituzionale, nata dalla resistenza e dalla sconfitta del fascismo e del nazismo.
La soluzione della crisi compete al Parlamento che, dopo un dibattito ampio, libero e trasparente deve votare o sfiduciare il governo, e al Presidente della Repubblica, garante della Costituzione, cui va tutta la nostra stima e il sostegno incondizionato anche nella verifica di una reale possibilità di dare un nuovo governo al Paese.

Liberazione: ricordare il contributo dei ferrovieri

Tipo: 

  • News

E’ ancora attuale lo slogan “pace, pane, lavoro, dignità”, che i lavoratori gridavano durante gli scioperi del 1943/44, scioperi che diedero un profondo colpo al fascismo, animarono la resistenza e difesero le fabbriche? La risposta è un deciso sì. Questo pensiero è riportato nel volantino del DLF e delle organizzazioni sindacali dei ferrovieri di Padova che il 24 aprile 2018 hanno ricordato con una corona di alloro posta in stazione i ferrovieri allora caduti.

Manchester: sì ai nostri valori

“La Cgil esprime solidarietà ai familiari delle vittime e a quanti sono stati coinvolti dal vile e sanguinoso attentato che a Manchester ha stroncato la vita di giovani innocenti, ed è vicina ai lavoratori del Regno Unito e alle nostre compagne e ai nostri compagni del sindacato britannico.
Non permetteremo mai al terrorismo e alla violenza di avere la meglio sui valori di pace, giustizia, democrazia, valori ai quali ci ispiriamo e che continueranno ad essere la nostra bussola nell’impegno per un mondo più equo, libero da guerre e conflitti”.

Ferrovieri e resistenza: un forte contributo alla democrazia

Tipo: 

  • News

Come ogni anno tra il 24 e il 25 aprile si depongono corone di alloro sulle lapidi nelle stazioni del Veneto per la ricordare le imprese coraggiose e generose dei ferrovieri che hanno contribuito a riportare la democrazia e la libertà nel nostro paese, fino a pagare con la loro vita, lottando per gli ideali e per i valori che non potevano vedere calpestati. A Treviso li ha ricordati Nicoletta Baratta della segreteria Filt Cgil trevigiana insieme ad un gruppo di ferrovieri riunitisi di fronte al monumento dedicato a quei colleghi che, in Italia e in Europa alla fine della seconda guerra mondiale, si sono distinti per la loro attività di salvataggio, di sabotaggio, ma anche di solidarietà messe a servizio della liberazione dal nazifascismo. 

Abbonamento a RSS - valori