Ultime notizie

Jobs act o Jobs Disfact?

La cgil attraverso Twitter torna ad attaccare il provvedimento del governo: "Il presupposto delle norme è che abbiano sempre ragione le imprese". E poi c'è la "beffa", i costi dei licenziamenti illegittimi saranno a carico della fiscalità generale

Jobs Act in slides e tutele crescenti

Pubblichiamo le slide sul Jobs Act (comprensive del decreto 34 su lavoro a termine ecc.), elaborate ed  aggiornate Fabrizio Maritan  del Dipartimento Politiche del Lavoro Cgil Veneto con le ultime modifiche alla legge delega approvata la settimana scorsa (vedere allegato). Sulla legge delega siamo in attesa di un commento della Cgil nazionale che dovrebbe arrivare a giorni.

Legge di Stabilità: un milione di cittadini firmano la petizione contro i tagli ai patronati

In allegato pubblichiamo il comunicato dei Patronati Sindacali: stop al taglio pesante, contenuto nella Legge di Stabilità, con effetti dirompenti sui cittadini, specialmente quelli più deboli. Acli, Inas, Inca e Ital chiedono di incontrare il presidente del Consiglio Matteo Renzi e il presidente del Senato Pietro Grasso. Un milione di cittadini firmano la petizione contro i tagli ai patronati.

 

Versione Jobs Act approvata alla Camera

Pubblichiamo in allegato il DDl di “Riforma” del Mercato del lavoro (Jobs Act) approvato alla Camera. Ad una prima lettura se si eccettua la parte su contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti, non vi sono a mio parere novità significative rispetto al testo approvato al Senato. La novità più evidente riguarda appunto il comma 7 sul contratto a tutele crescenti che introduce in modo esplicito l’intervento sull’art.

Risposta alla Comm.ne di Caranzia sul diritto di sciopero

Riportiamo la risposta di Fabrizio Solari alla Commissione di garanzia sul diritto di sciopero dopo le dichiarazioni del presidente Roberto Alesse che giudica parzialmente illegittimo lo sciopero generale del 5 dicembre. Le considerazioni suesposte valgono pure per lo sciopero del 12 dicembre 2014. Il garante faccia bene il suo mestiere.

Confermate le ragioni dello sciopero generale

Roma, 18 novembre – L’incontro di ieri sera a palazzo Chigi tra governo e sindacati “non ha portato alcuna novità al quadro legislativo determinato dalla legge di Stabilità, dal ddl sulla riforma della Pubblica amministrazione e dal piano ‘Buona Scuola’, segnando, invece, una continuità con le politiche che il governo ha assunto sul tema della Pa, della conoscenza e del lavoro pubblico”.

Pagine