Ultime notizie

Jobs act: quali tempi di approvazione?

I tempi di approvazione del Jobs Act sono affidati alla "dinamica parlamentare". Lo dice il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, alle agenzie di stampa. "Oggi la legge delega è già stata approvata in Senato - afferma - , è in discussione in commissione alla Camera, la prossima settimana scadono i termini per la presentazione degli emendamenti. Basta guardare la dinamica parlamentare" per vedere che "le cose sono oggi in quest'ordine".

Verso il 25 ottobre: schede sintetiche.

Per garantire universalità ed eguaglianza i diritti e le tutele si devono rafforzare ed estendere, non togliere! Così recita uno degli slogan che intesta le sintetiche schede utili a comprendere velocemente la posizione della Cgil su Jobs Act, art. 18, Statuto dei Lavoratori e ammortizzatori sociali, che pubblichiamo in allegato.  

Jobs Act: aggiornamenti e prime note Cgil e unitarie

Il testo della delega rimane sostanzialmente invariato nell'impianto con la palese distonia tra il dettagliamento della riformulazione della parte relativa agli ammortizzatori sociali, alla costituzione dell’agenzia nazionale del lavoro, delle modifiche allo Statuto dei lavoratori (controllo a distanza e demansionamento), più indeterminata sul tema del riordino delle forme contrattuali e della semplificazione.

TFR in busta paga?

Non è un aumento salariale, né è una diminuzione delle tasse.

Il Trattamento di Fine Rapporto (TFR), chiamato anche liquidazione, non è altro che “salario differito”, cioè una parte della retribuzione da lavoro dipendente che ogni anno viene messa da parte come risparmio per il futuro, circa una mensilità.

Pagine